Enna, lʼinsegnante di Amri: “volto di bellezza straordinaria, illuminava il carcere”

 

L’esaltazione immigrazionista e il fanatismo xenofilo, che appannano gli occhi e la mente, portano a fare queste considerazioni parlando di un vile assassino che ha massacrato 12 cristiani e ne ha feriti 50

Anis-Amri

Il suo volto era di una bellezza straordinaria e aveva un sorriso che riusciva ad illuminare tutto il buio che un posto come il carcere emana“. Con queste parole una donna che lavora come insegnante d’italiano nel carcere di Enna, descrive Anis Amri, il terrorista della strage di Berlino, ucciso alle porte di Milano. I due si erano conosciuti nel 2012, l’anno in cui l’uomo era detenuto nel carcere siciliano per aver appiccato un rogo in un centro di accoglienza.

La docente d’italiano, nell’ intervista esclusiva rilasciata al sito Siciliainformazioni.com, dice di aver riconosciuto subito quel viso e si dichiara sconvolta per quanto accaduto: “Era un ragazzo schivo ma nulla faceva pensare che fosse un estremista, anzi sembrava un moderato come i suoi concittadini tunisini“. In seguito, la donna confessa di aver conosciuto a fondo Amri e proprio per questo non si capacita delle sue azioni. Afferma, infatti, di averne colto la debolezza e la vulnerabilità e di aver cercato di coinvolgerlo, ma senza successo, in un progetto teatrale, convinta che potesse essergli d’aiuto.

“Non si apriva molto, però un giorno mi disse che mi voleva bene. Io ci sto male perché i miei insegnamenti, il mio esempio seppur per un breve periodo sono stati un fallimento e oggi mi chiedo se ci siano sfuggiti dei segnali che quel ragazzo ci mandava, segnali che noi non siamo stati in grado di cogliere e mi rendo conto di non aver fatto abbastanza”, così prosegue l’insegnante mostrando un senso di colpa per non aver saputo capire certi comportamenti e non avergli dato il supporto necessario che, probabilmente, avrebbe potuto impedire la radicalizzazione.

Nonostante queste dichiarazioni, è già stato reso noto che proprio nel periodo di detenzione in Italia, Amri avrebbe assunto comportamenti violenti nei confronti di un altro detenuto arrivando a minacciarlo in quanto cristiano. tgcom24



   

 

 

1 Commento per “Enna, lʼinsegnante di Amri: “volto di bellezza straordinaria, illuminava il carcere””

  1. “la donna confessa di avere conosciuto il tunisino a fondo”…. non avevamo alcun dubbio
    sono sempre più disgustata dalle mie connazionali

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -