Strage Berlino, Anis Amri è stato in carcere 4 anni in Italia

 

Anis-Amri-Berlino

Anis Amri, ricercato per l’attentato a Berlino, ha lasciato la Tunisia circa sette anni fa e come clandestino è entrato in Italia, dove ha trascorso 4 anni in carcere per un incendio in una scuola: lo ha raccontato il padre, intervistato dalla radio tunisina Mosaique FM.

Anis, nato il 22 dicembre 1992, da oltre un anno si era trasferito in Germania ed era rimasto in contatto con i suoi fratelli, ma non con il genitore. Secondo la Bild, la polizia di Berlino lo aveva messo sotto sorveglianza da marzo a settembre.”Quando ho visto la foto di mio fratello sui media, non ho creduto ai miei occhi. Sono sotto choc e non posso credere che sia stato lui a commettere un simile crimine”, ha detto Abdelkader Amri, fratello del ricercato. Ma “se fosse vero, merita la condanna. Noi respingiamo il terrorismo e i terroristi e non abbiamo nessuna relazione con i terroristi”, ha aggiunto il fratello.

“Non abbiamo mai avuto l’impressione che ci fosse qualcosa di strano. Ci contattava via Facebook ed era sempre sorridente e gioioso!”, ha affermato la sorella Najoua.

Il ricercato ha precedenti con la giustizia in Tunisia, dove è ricercato dalla polizia di El Oueslatia e dove è stato condannato per furto aggravato a cinque anni di carcere, secondo fonti della sicurezza locali. Gli inquirenti che hanno interrogato oggi il padre del sospettato cercano anche di capire attraverso le informazioni date dall’uomo se Anis abbia contatti con l’Isis.

Secondo le autorità tedesche, l’uomo è un richiedente asilo arrivato nel luglio 2015 in Germania e la cui richiesta di asilo è stato respinta nel giugno 2016. La Germania non era riuscita ad espellerlo perché la Tunisia ha negato per diversi mesi che si trattasse di un suo cittadino. Secondo Berlino, la coincidenza ha voluto che solo oggi Tunisi abbia fornito il documento che avrebbe permesso la usa espulsione.

L’attentato, perpetrato lunedì sera e rivendicato dal gruppo dello Stato islamico è costato la vita a 1 2persone e a decine di feriti. (askanews)



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -