Sanità, Italia maglia nera Ue per apparecchiature diagnostiche: 58mila sono obsolete

 

TAGLI

Maglia nera all’Italia per apparecchiature diagnostiche: ben 58mila, tra risonanze magnetiche, Pet, Tac, angiografi, mammografi e ventilatori per anestesia sono infatti d’età avanzata, superando abbondantemente la media degli altri Paesi europei con un incremento di quelle più vecchie di 10 anni e una diminuzione delle tecnologie con meno di cinque anni. E se Francia, Danimarca e Svezia registrano tra il 60% e il 70% di apparecchiature con età fino a cinque anni, l’Italia – solo per fare un esempio – possiede solo il 30% di angiografi sotto questa soglia di età. È quanto emerge dal nuovo Rapporto sullo stato di obsolescenza del parco installato di diagnostica per immagini e sull’elettromedicina in Italia curato dal Centro studi di Assobiomedica e presentato a Roma nell’ambito della IX Conferenza nazionale dei dispositivi medici.

A destare preoccupazione nel nostro Paese sono soprattutto il 74% dei mammografi convenzionali con più di 10 anni di vita, così come il 60% di apparecchiature mobili convenzionali per le radiografie, il 50% dei ventilatori di terapia intensiva e il 77% dei sistemi radiografici fissi convenzionali.

“Su 100mila apparecchiature censite – ha fatto sapere Marco Campione, presidente dell’Associazione Elettromedicali di Assobiomedica – circa il 60% sono obsolete, avendo superato notevolmente la soglia di adeguatezza tecnologica con costi di gestione enormi che potrebbero essere abbattuti, sostituendole gradualmente con tecnologie di ultima generazione. Si tratta di apparecchiature meno sicure, con qualità clinica diagnostico-terapeutica al limite dell’appropriatezza. Abbiamo troppe apparecchiature troppo vecchie e troppo poco usate”. ASKANEWS



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -