Poste italiane, raffica di rincari dal 10 gennaio 2017

 

I servizi postali saranno più cari dal 10 gennaio 2017, secondo quanto anticipato da Poste Italiane. Ecco nel dettaglio quali saranno i nuovi costi che Poste Italiane applicherà a seconda di pesi e destinazioni delle spedizioni affidate alle sue cure.

Le raccomandate costeranno da 50 a 65 centesimi in più come minimo a seconda del peso e del fatto che il destinatario sia in Italia o all’estero. Una raccomandata in Italia fino a 20 grammi costerà 5 euro contro i 4,5 attuali e l’aumento varrà anche per le comunicazioni connesse alle notifiche: Comunicazione Avvenuta Notifica, Comunicazione Avvenuto Deposito, altre comunicazioni di atti giudiziari). Le raccomandate internazionali passeranno da 5,95 a 6,60 euro.

I servizi per professionisti e aziende rincareranno di 10 centesimi: si tratta dei servizi Raccomandata Pro e Raccomandata Smart.

La posta assicurata rincarerà di almeno 35 e 60 centesimi, sempre a seconda dell’indirizzo (in Italia o all’estero) del destinatario della spedizione, per tutti gli scaglioni superiori al primo (cioè per plichi oltre i 20 grammi). La tariffa per gli invii fino a 20 grammi per la Zona 1 (Europa e Mediterraneo), per esempio, varierà da 5,95 a 6,60 euro.

Tutte le tariffe per atti giudiziari saranno incrementate, quale che sia il peso della spedizione. Per gli invii fino a 20 grammi il costo passerà da 6,60 a 6,80 euro.

Rincari anche per i servizi Pieghi di libri e Pieghi di libri a tariffa ridotta editoriale: ferme restando le rispettive tariffe di recapito (invariate), sarà incrementato il diritto di raccomandazione da 2,35 a 3,35 euro.

today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -