Usa, Joe Arpaio insiste: “il certificato di nascita di Obama è falso”

 

NEW YORK, 16 DIC – Dopo cinque anni Joe Arpaio mette la parola fine alle indagini sull’autenticità del certificato di nascita del presidente Obama. E’ stato lo sceriffo ultraconservatore del Maricopa County in Arizona, sostenitore di Donald Trump, che tra le altre cose lascerà a breve il posto perche’ non e’ stato rieletto, a dare l’annuncio nel corso di una conferenza stampa.

Ma anche se Arpaio è stato costretto a chiudere le indagini perche’ il caso e’ chiuso, non ha affatto cambiato idea sull’autenticità del certificato di nascita di Obama e sostiene ancora che si tratta di un falso. Arpaio ha illustrato ai giornalisti una presentazione composta di nove punti a dimostrazione del falso a suo avviso, concludendo che il certificato presentato dalla Casa Bianca e’ stato creato dopo aver fatto il copia e incolla di un certificato legittimo di una donna nata alle Hawaii. “L’indagine – ha detto – non e’ mai stata sul luogo di nascita del presidente Obama, bensi’ su un documento governativo possibilmente forgiato”. (ANSA)

obama_certificato_casabianca



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -