Sanità, angiografo non funzionante: muore a 37 anni

 

LECCE – Morire per una emorragia nel 2016: è accaduto ad un 37enne della provincia di Lecce deceduto perchè sia all’ospedale Vito Fazzi di Lecce che al Perrino di Brindisi l’angiografo, uno strumento che avrebbe potuto salvargli la vita, non era funzionante.

A sollevare la vicenda Luigi Manca, medico e consigliere regionale per i Conservatori e Riformisti di Raffaele Fitto. Manca, vice presidente della commissione regionale sanità, aggiunge: “Una giovane vita stroncata non per negligenza dei medici, che spesso non vengono messi nelle condizioni di lavorare in modo efficiente, ma da quei livelli assistenziali che, appunto, vengono garantiti solo sulla carta”.

Sulla vicenda, si allunga l’ombra della malasanità: l’angiografo in uso all’ospedale Vito Fazzi, con il quale avrebbe dovuto essere effettuato un esame specifico, era fuori uso da ben un mese, ma i soccorritori ne hanno trovato uno disponibile e funzionante solo all’ospedale Perrino di Brindisi, a quasi 40 chilometri di distanza, ma lo strumento è andato in tilt non appena il 37enne è arrivato nel nosocomio pugliese.

Sulla vicenda ha annunciato l’apertura di un’inchiesta sia da parte della Asl di Lecce che di Brindisi per capire come mai due angiografi fossero non funzionanti in due tra gli ospedali più importanti del sud della Puglia.

today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -