Insulti, violenze e stupro di gruppo: giudice dispone i domiciliari

 

Catania – Degrado e violenza nel catanese. Nel quartiere delle ‘Case popolari’ di Giarre una intera famiglia – padre, madre e figlio maggiorenne – è stata costretta a subire insulti, abusi e violenze, anche sessuali, da due vicini di casa. Le indagini della Polizia di Catania hanno portato all’arresto di due persone.

Secondo quanto ricostruito dalla Procura di Catania, approfittando del rapporto di vicinato, i due indagati vessavano l’intero nucleo familiare abusando della particolare vulnerabilità mentale delle vittime che, intimorite, assoggettate e sopraffatte, venivano anche sfruttate per compiere lavori e commissioni di ogni genere.

Durante le indagini, è stato ricostruito un grave episodio di violenza sessuale di gruppo con uno dei componenti del nucleo familiare. Per i due indagati, la Procura aveva richiesto la custodia cautelare in carcere per violenza sessuale di gruppo e atti persecutori con l’aggravante di avere commesso il fatto nei confronti di persone con disabilità mentali, ma il Gip ha disposto gli arresti domiciliari. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -