Bufera sulla nuova ministra all’Istruzione “Mente sul titolo di studio, non è laureata”

 

La notizia ha iniziato a rimbalzare il giorno dopo il giuramento. Ed è subito esplosa creando un primo scandalo che dovrà essere chiarito al più presto.

fedeli-laurea2

Come scrive il giornale, il neo ministro dell’Istruzione, la sindacalista Valeria Fedeli, avrebbe mentito sul titolo di studio. Nella sua pagina web racconta, infatti, di aver conseguito il diploma di laurea in Scienze Sociali. Peccato che, come denuncia Dagospia, il diploma di laurea di scienze sociali non è stato “istituito prima del 1998 (ma in via sperimentale a Trieste e Roma) e del 2000 quando la nostra era già segretaria nazionale del sindacato dei tessili”.

fedeli-laurea

FEDELEI-LAUREA_fede_

“La Fedeli mente sul proprio titolo di studio, niente male per un neoministro all’Istruzione”. A raccogliere l’indignazione nei confronti del neo ministro del governo Gentiloni è Mario Adinolfi. La presunta falsa laurea della Fedeli desta scalpore per la bugia detta agli italiani. Perché inventarsi una laurea? Non averla non è certo una nota di demerito. Mentire, invece, lo è. Perché nella sua bio ha scritto di aver conseguito “un diploma di laurea in Scienze Sociali” quando in realtà ha ottenuto soltanto il diploma alla Scuola per Assistenti sociali Unsas di Milano? “Complimenti ministro, bel passo d’inizio – tuona Adonolfi – e complimenti a Gentiloni che a dirigere scuola e università mette non solo una che non è laureata, ma una che spaccia per ‘laurea in Scienze Sociali’ un semplice diploma della scuola per assistenti sociali”.

Durissimo anche il deputato leghista Paolo Grimoldi: “Se fosse vero, allora si dovrebbe dimettere immediatamente da ministro. Certo sarebbe proprio un bell’inizio per Gentiloni… Ora aspettiamo chiarezza”.

Il giallo sulla laurea non è l’unico neo nel passato della Fedeli. Da questa mattina ha iniziato a rimbalzare sui social il video in cui promette di dimettersi in caso di sconfitta al referendum sulle riforme costituzionali . “Se perdiamo il referendum, il giorno dopo non ci sono alibi – ha detto – il governo non avrebbe autorevolezza, ma anche i parlamentari. Non siamo attaccati alla poltrona”. Parole in netta antitesi con la decisione di accettare l’incarico datole da Gentiloni. “La spacciatrice di menzogne sul gender evidentemente è abituata a dire bugie – tuona ancora Adinolfi – il problema non è neanche che non è laureata, è che mente spudoratamente. Per un atto del genere in qualsiasi paese del mondo dovrebbe dimettersi seduta stante o essere costretta a farlo”.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

 C’è però un “ma”, ed è un “ma” importante: nel momento del conseguimento del titolo da parte della Fedeli, all’inizio degli anni ’70, la scuola rilasciava quello che effettivamente era denominato “diploma di laurea“. E bisogna anche ricordare che, anche se si può ritenerla una cosa discutibile, la laurea non è un requisito obbligatorio per diventare ministro dell’Istruzione. (affaritaliani)

Per la “politica di spessore“, come la chiama Napolitano, la laurea non è tutto…

L’algebra comunque non è il suo forte…

fedeli-algebra



   

 

 

1 Commento per “Bufera sulla nuova ministra all’Istruzione “Mente sul titolo di studio, non è laureata””

  1. Una persona molto ma molto piu capace ed intelligente di lei, Oscar Giannino, si ritirò dalla politica per colpa di una menzogna piu piccola.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -