La UE impegnata per l’occupazione giovanile in Mali

 

Mali_ue

L’Unione europea ha firmato col Mali il primo dei ‘compact’ con i paesi africani per facilitare i ritorni dei migranti le cui richieste d’asilo in Europa sono state respinte. E’ il primo degli accordi il cui obiettivo per frenare l’immigrazione affrontandone le cause nei paesi di origine e transito. L’accordo è stato firmato ieri, a nome della Ue, dal ministro degli esteri olandese, Bert Koendeers, che già nella primavera scorsa – sotto la presidenza di turno olandese – era stato in Mali, Ghana e Costa d’Avorio per aprire i negoziati. “Soltanto attraverso questo tipo di cooperazione possiamo affrontare il problema alla radice”, ha detto Koenders.

La partnership implica l‘impegno europeo per rafforzare le capacità dei servizi di sicurezza del Mali, accordi per l’ identificazione dei migranti irregolari con l’assistenza di funzionari del Mali in Europa e la fornitura di documenti per il rientro in patria. Inoltre prevede una serie di iniziative per favorire il lavoro giovanile in Mali. “I giovani possono dare un grande contributo al futuro del loro paese. Dobbiamo evitare che i maliani si mettano in cammino verso il Nord Africa e l’Europa mettendo a rischio le loro vite finendo nelle mani dei trafficanti di esseri umani”, ha aggiunto Koenders. ANSA EUROPA

“Corpo europeo di solidarietà”, la UE cerca giovani europei che lavorino gratis

 

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -