Che schifo… ci sarà da rantolare nel fango fino al 2018

Avete rotto le palle di giocare con le sorti degli italiani

Tutto cambia perché nulla cambi. Da Renzi alla pedina Gentiloni. Ecco la cronaca.

gentiloni-renzi-letta-MONTI

Parapiglia in area, il pallone rimane fermo per alcuni interminabili minuti, Gentiloni spunta da dietro e la butta dentro a porta vuota su assist di Renzi. Italia 0 – Prima Repubblica 1.

Assessore al Giubileo e al turismo nel 2000 con Rutelli, deputato dal 2001, nel 2005 presidente della Commissione di vigilanza Rai; tra i fondatori del Partito Democratico, poi Ministro delle Comunicazioni del Governo mortadellato Prodi. Gentiloni, nessuno c’avrebbe scommesso, forse. Dopo decine di partite scialbe e sottotono, nessuno avrebbe pensato addirittura al goal. Il nuovo presidente del Consiglio entra in campo dopo Monti, Letta e Renzi per formare il nuovo governo tecnico. Un traghetto fino al 2018.

Che schifo…ci sarà da rantolare nel fango, cari connazionali, fino al 2018.

Paolo Gentiloni, un altro assonnato – da qui si evince l’evidente sintonia col presidente Mattarella -, rutellian/renziano, senza arte né parte, in cerca d’autore nell’ennesimo governo nominato. Non oscillare la barca è la parola d’ordine del nuovo Governo. Non dondolare la barca. Limitarsi a mantenere, a riformare l’essenziale. Gentiloni che pure non è un fesso. Scrive sapientemente, biografando con incredibile arguzia, Luca Telese: “Gentiloni non è un fesso, anzi. Ha gestito è amministrato per anni il Potere, prima all’ombra di Francesco Rutelli come sua Eminenza Grigia in Campidoglio, poi come sua Eminenza Grigia nella Margherita, quindi come dispensatore di potere dentro il Pd, curando l’orticello cruciale della Comunicazione e dell’Emittenza, e la scienza sofisticata della spartizione dei poteri nella sontuosa accademia lottizzatoria della Rai dei partiti. La carriera di Gentiloni ha qualcosa di unico e di fenomenale: procede per salti di qualità asimmetrici: più perde, più viene promosso. Moderato fini quasi alla sonnolenza, del tutto incapace di discorsi politici meno che soporiferi…

Un altro governo nominato in quota PD. E pensare che gli italiani, quella strana razza mitologica – metà cittadini, metà kamikaze – avevano bocciato, quantomeno nelle intenzioni, simbolicamente un governo abusivo PD, gestito dal sindaco-parolaio Matteo Renzi, e ora ecco cicciarne un altro, sempre PD, sempre tecnico, sempre di passaggio. Ora siate Gentiloni, c’è da portare a casa il nuovo Nazareno, da trovare uno stipendio a Renzi, c’è da masturbare l’Europa – chi può dimenticare l’epico tweet del nuovo presidente del Consiglio? “dobbiamo cedere sovranità a un’Europa unita e democratica”, da garantire la stabilità politica, della maggioranza, e sti cavolii delle urne fino al 2018, con 17 milioni di poveri italiani, pressione fiscale da soffocamento, mondo del lavoro impantanato, iva al 145mila %, politica estera che versa in condizioni delicatissime, crescente insoddisfazione, ricostruzione delle zone terremotate, immigrazione incontrollata, coscienza nazionale al minimo storico, natalità, al minimo storico.

Moriremo di sovranità. Affogheremo democristiani, maledizione. Ma sarebbe ora che si iniziasse a rispettare gli italiani. Sì, sarebbe giunto il momento. Con una nuova legge elettorale o con l’attuale, modificata al Senato, sarebbe da avvicinare la data del voto, renderla accessibile, come visione nel deserto. E invece ecco un governo con pieni poteri. Basta! Non se ne può più. Non se ne può più di questo rigurgito di democristianeria, di questo viscidume da Prima Repubblica, di gobbi Andreotti che calpestano la residua dignità di questo Paese, che assecondano il progresso come forma di marcescenza: il nuovo che avanza e, a forza di avanzare, andrà a male, scadrà, sarà da buttare. Un’evoluzione che sa di immobilismo continuo, che puzza di burocratizzazione delle libertà popolari. Un’oligarchia di polistirolo, intercambiabile, inguardabile, senza neanche la virtù dei tiranni.

Non potevamo certamente saperlo, ma potevamo immaginarlo: è anche l’ora dell’autocritica, delle ferite che bruciano forte; è anche un po’ colpa nostra se il tumore di questa giovane democrazia non smette di crescere e rischia di uccidere l’Italia da dentro.

Gentiloni chieda la fiducia e dica chiaramente alle Camere quando andare al voto. Presto, possibilmente. Sia chiaro, si faccia la legge elettorale, con i suoi tempi tecnici, una volta fatta, si dimetta e porti il Paese al voto. Questo il traghetto giusto, politicamente accettabile. Per onestà…

Italiani! Attaccatevi alla sovranità in questo nuovo regno di centrosinistra che, a quanto pare, oltre a scaldare minestre per ancora un anno buono, ha una missione chiara: Parassitare (la) Democrazia. Non è demagogia, è paura.

Emanuele Ricucci blog il giornale

 



   

 

 

1 Commento per “Che schifo… ci sarà da rantolare nel fango fino al 2018”

  1. Leggo in questo articolo l’invito alla rassegnazione e l’impunità per i colpevoli di questi governi non eletti, invece che lotta contro questa DITTATURA e CARCERE per chi l’ha voluta cioè tutta la dirigenza del PD e ForzaItalia, il Berlusca è decisamente più intelligente di Renzi ed al suo servizio ha sempre dei “traditori” su cui scaricare tutte le colpe della propria doppiezza. Grottesca l’invenzione di dare la colpa di tutto ciò ai “Democristiani” cioè a nessuno.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -