Presepe negato, diocesi Cremona: pensare all’accoglienza, non solo alle tradizioni

Condividi

 

 

don-sante-presepe-negato-cremona

CREMONA, 10 DIC – “Mi hanno chiamato perfino da Dubai, alcuni amici, per avere notizie sul presepe della discordia. Ho risposto che finalmente tutto si è risolto ed anche per questo Natale ci sarà. Certo in una collocazione diversa e più sicura e visibile rispetto agli anni scorsi”.

E’ soddisfatto don Sante Braggiè, cappellano del cimitero di Cremona, che in questi giorni è finito sotto i riflettori per il suo iniziale diniego alla realizzazione del presepe. Oggi pomeriggio è iniziato l’allestimento da parte degli addetti dei servizi cimiteriali, che verrà completato nei prossimi giorni, davanti all’ingresso della chiesa.

Cremona: prete si rifiuta di allestire il presepe per rispetto ad altre fedi

Intanto, con una lettera del vicario episcopale per la pastorale, don Giampaolo Maccagni, è intervenuta anche la Diocesi di Cremona, per definire l’episodio “un semplice malinteso”, ma anche per invitare i fedeli ad essere cristiani non solo nella difesa delle tradizioni, ma anche nell’aiutare i “tanti fratelli alla ricerca di riparo e di vera accoglienza”. (ANSA)

Condividi l'articolo

 



   

1 Commento per “Presepe negato, diocesi Cremona: pensare all’accoglienza, non solo alle tradizioni”

  1. dalla padella alla brace….Anche il vescovo di cremona fa parte della schiera traditori?

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -