Foggia: Migrante morta nei pressi del Cara, forse bruciata viva

 

FOGGIA, 11 DIC – Potrebbe essere stata bruciata viva la donna di origine africana il cui corpo è stato trovato ieri semicarbonizzato nei pressi del Centro di accoglienza richiedenti asilo (Cara) di Borgomezzanone, a Foggia. E’ una delle ipotesi, quella più accreditata, a cui stanno lavorando i carabinieri, dopo che l’ispezione cadaverica effettuata dal medico legale non ha evidenziato violenze esterne sul corpo della nigeriana. Quest’ultima, forse una prostituta, potrebbe essere una 20enne che occupava una delle capanne situate nei pressi del Cara

. Le indagini del comando provinciale di Foggia dei Carabinieri sono coordinate dal pm Francesco Di Liso della Procura di Foggia. Sul luogo del ritrovamento del cadavere gli investigatori non hanno trovato nessun contenitore di liquido infiammabile. I militari, dopo aver preso le impronte digitali della vittima, le hanno inviate alla banca dati di Roma per l’identificazione che, al momento, non è ancora avvenuta. ansa



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -