Moschea sequestrata, musulmani pregano al Pontile di Ostia

 

islamici-ostia

Erano oltre 70 i musulmani che questa mattina hanno pregato al Pontile di Ostia. La preghiera del venerdì si è tenuta all’aperto dopo che la moschea all’interno dell’ex colonia è stata posta sotto sequestro.

Scrive il Messaggero  che un lungo tappeto è stato disposto ai piedi del cippo marmoreo che ricorda l’opera della bonifica ed è qui che i fedeli di Allah si sono inginocchiati rivolgendosi verso La Mecca.

Intorno, è stato organizzato un imponente dispiegamento di uomini e mezzi delle forze dell’ordine. Polizia in borghese e camionette dei carabinieri in assetto anti-sommossa. «Siamo qui per pregare e non per protestare – ha ribadito Youssef Al Moghazi, direttore dell’Istituto di Culto islamico di Ostia- ma vogliamo lanciare anche un messaggio: chiudere le moschee non ci farà smettere di pregare e noi musulmani questo lo possiamo fare ovunque nel mondo».



   

 

 

1 Commento per “Moschea sequestrata, musulmani pregano al Pontile di Ostia”

  1. Andassero a pregare a casa loro!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -