Afghanistan, l’Italia regala radio-tv per diffondere cultura in aree rurali

 

Si è svolta la settimana scorsa a Kabul la cerimonia di inaugurazione della sede di ERTV, Educational Radio TV, la cui ristrutturazione è stata seguita e finanziata dall’Italia, attraverso l’Unesco, sin dal 2003. La stazione radiotelevisiva è stata dotata di equipaggiamenti all’avanguardia per la realizzazione e la trasmissione di programmi a scopo educativo sia per insegnanti che per il pubblico generale. Grazie al contributo dell’Italia, dallo scorso mese di settembre, ERTV è visibile tramite satellite in tutte le 34 province del Paese, raggiungendo quindi zone remote, in cui non sono presenti scuole o non sono raggiungibili per motivi di sicurezza ed instabilità politica a livello locale.

Alla cerimonia di inaugurazione hanno partecipato l’Ambasciatore Roberto Cantone, il direttore dell’Aics Afghanistan Rosario Centola, il ministro dell’Educazione Assadullah Haneef Balkhi e rappresentanti di Unesco. Durante la cerimonia è stato proiettato un documentario sull’eredità storico-culturale di Bamyan, commissionato dalla Cooperazione italiana e parte di un ciclo di documentari sul patrimonio culturale afghano. Il documentario sarà inoltre presentato al Festival del Cinema di Locarno e al 13mo Working Group su Bamyan in programma a Monaco di Baviera.



   

 

 

1 Commento per “Afghanistan, l’Italia regala radio-tv per diffondere cultura in aree rurali”

  1. Vogliono regallare agli Afghani quei “cavalli di Troia” che sono i mezzi di comunicazione di massa, per integrarli nei nostri valori e farli venire qua in Europa, dove la gente appare sui teleschermi sempre sorridente, bella, bionda e in un Paradiso esistenziale!

    Assassini!!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -