Voto subito! Domenica manifestazione a Montecitorio

 

La Costituzione si attua non si tocca!

Armando Manocchia


(..) dicono di lui … che è il Capo dello Stato e Rappresenta l’Unità Nazionale … dicono di lui … che è il Garante dell’Indipendenza e dell’Integrità della Nazione … e che Vigila sul Rispetto della Costituzione … dicono di lui … che Assicura il Rispetto dei trattati e dei vincoli derivanti dall’appartenenza dell’Italia ad organizzazioni internazionali e sovranazionali … dicono di lui … che presta Giuramento di Fedeltà alla Repubblica e di Osservanza della Costituzione … e allora ci si domanda: come è stato possibile creare tutto questo “casino”?… come è stato possibile che abbia promulgato una riforma Costituzionale fatta da un parlamento da lui stesso delegittimato con la Sentenza 1/2014 della Corte Costituzionale …. come è stato possibile che abbia promulgato una nuova Legge elettorale contenente le stesse supercazzole Incostituzionali di quella precedente?

E allora si ribadisce … ASILO INFANTILE, ULTIMO BANCO? O RICOMINCIAMO DA CAPO? NIENTE POPODIMENO CHE LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: Presidente: Gaetano SILVESTRI; Giudici : Luigi MAZZELLA, Sabino CASSESE, Giuseppe TESAURO, Paolo Maria NAPOLITANO, Giuseppe FRIGO, Alessandro CRISCUOLO, Paolo GROSSI, Giorgio LATTANZI, Aldo CAROSI, Marta CARTABIA, Sergio MATTARELLA, Mario Rosario MORELLI, Giancarlo CORAGGIO e Giuliano AMATO, ha pronunciato la seguente: Sentenza 1/2014
GIUDIZIO DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE IN VIA INCIDENTALE
Presidente SILVESTRI – Redattore TESAURO
Udienza Pubblica del 03/12/2013 Decisione del 04/12/2013
Deposito del 13/01/2014 Pubblicazione in G. U. 15/01/2014
Norme impugnate: Artt. 4, c. 2°, 59 e 83, c. 1°, n. 5, e 2°, del decreto Presidente della Repubblica 30/03/1957 n. 361, nel testo risultante dalla legge 21/12/2005, n. 270; artt. 14, c. 1°, e 17, c. 2° e 4°, del decreto legislativo 20/12/1993, n. 533, nel testo risultante dalla legge 21/12/2005, n. 270.

(..) ora, se vogliamo fare presto, la Corte Costituzionale, senza stare lì a perdere tempo su un’altra legge elettorale “pro domo sua”, può tranquillamente annullarla, senza analizzarla, per i seguenti motivi:

– visto che la legge in questione è nata dalla presunzione che la Riforma Costituzionale fosse accettata, la stessa non ha più motivo di esistere;
– visto che nella Sentenza 1/2014 si erano già indicati tutti i motivi di Incostituzionalità ed Illegittimità da tenere presente nella formulazione di una nuova legge;
– atteso che nessuna delle motivazioni, di cui alla Sentenza citata, è stata tenuta di buon conto nella formulazione della nuova Legge elettorale;
si pronuncia la seguente Sentenza:
La legge in questione viene annullata e si rimanda tutti alla Sentenza n.1/2014
per stilare una nuova Legge e/o per andare immediatamente ad elezioni anticipate.

VOTO SUBITO: MANIFESTAZIONE di protesta a Montecitorio

manifestazione_montecitorio

La manifestazione è stata indetta per Domenica 11 dicembre dalle ore 14:30 alle 17:00 (in prima battuta avevamo scritto dalle ore 11 ma la Questura ci ha accordato solo il pomeriggio) per protestare contro la violazione della Costituzione e della Democrazia da parte delle Istituzioni e le più alte cariche dello Stato, alla luce del risultato plebiscitario del Referendum Costituzionale.

La manifestazione nasce dai Cittadini Italiani, dal Popolo Sovrano, per manifestare lo sdegno di fronte alle falsità di palazzo con la complicità del presunto Capo dello Stato al quale, noi Cittadini Italiani, noi Popolo Sovrano, INTIMIAMO di indire subito le elezioni politiche.

Mattarella deve sapere che non tutti gli Italiani hanno gli anelli al naso. Se non fossimo in pericolo di una guerra civile, il comportamento di Mattarella potrebbe essere definito fantozziano perché, oltre a quanto detto sopra, non serve nessun governo tecnico, di scopo, istituzionale, di responsabilità nazionale o qualsiasi altro tipo di governo ‘di servizio alla casta’ per gestire gli affari correnti (maturare le pensioni). Se è vero, come è vero, che la Corte Costituzionale si esprimerà sulla legge elettorale il 24 gennaio prossimo – a parte il fatto che, come detto sopra, non è necessario – in piene festività del Santo Natale (o come preferiscono i progreSSisti, in piene festività d’inverno) non si capisce (o meglio, lo si capisce, ma i Cittadini Italiani, il Popolo Sovrano non lo consentiranno) per quale motivo si debba fare un governo a tutti i costi quando, in questo periodo, i fancazzisti della Camera degli Imputati fanno la metà di zero diviso due.

Questa situazione assume i caratteri di normalità se si tratta di un periodo relativamente breve come è breve un mese o anche due o al massimo tre mesi: il tempo necessario per creare le condizioni ottimali per tutti e andare alle Urne.
A questo proposito, ricordo che in Belgio sono stati oltre un anno senza governo e gli affari correnti sono stati gestiti come meglio non avrebbero fatto i politicanti. Quindi, basta balle o prese per il naso; i Cittadini Italiani, il Popolo Sovrano si è appena espresso con un NO forte e chiaro al Referendum costituzionale e il presunto Capo dello Stato non può far finta di niente o parlare di un voto ‘emotivo’. Egli, sentiti i partiti, deve dare corso alla volontà popolare senza se e senza ma.
Per questo e molto altro ancora, anche se  in pochi (pochi ma con idee buone) saremo in piazza per ricordare al Parlamento incostituzionale, idem Quirinale, che la Costituzione si attua, non si tocca .

Armando Manocchia – – @mail



   

 

 

2 Commenti per “Voto subito! Domenica manifestazione a Montecitorio”

  1. Come non condividere, aggiungerei che a me puzza di bruciato e che sia il PD compreso i compagni di merende e Renzi che ha detto che manteneva la parola, ma a me sembra che non vuole più mantenerla, poi se non mantiene la parola ci autorizza a chiamarlo col il suo vero nome che poi si meriterà, NON FATE GLI INCIUCIO, PERCHÉ’ SIAMO INCAZZATISSIMI!

  2. Fossimo stati rappresentati da persone serie, invece di una riforma inutile, si sarebbero preoccupati della legge elettorale, ma l’ unica preoccupazione è stata quella di fare una legge per limitare la volontà popolare. Hanno tentato ancora di fregare il popolo, e pensando che ancora una volta non se ne sarebbe accorto.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -