India, musulmani: la religione è al di sopra delle leggi

 

india-islam

NEW DELHI, 8 DIC – La pratica islamica che permette ad un uomo di divorziare dalla moglie semplicemente pronunciando per tre volte la parola ‘talaq’ (io ti ripudio) “è incostituzionale”. Lo ha sostenuto oggi l’Alta Corte di Allahabad, capitale dello Stato indiano di Uttar Pradesh. Nella sentenza, riferisce l’agenzia di stampa Ani, i giudici sostengono che la pratica del ‘triplo talaq’ – permessa dalla Legge islamica sulle persone che regola matrimonio, proprietà e divorzio – “viola i diritti delle donne musulmane”.

“Nessuna legge introdotta da organismi che regolano il comportamento delle persone – si legge ancora nella sentenza – può essere superiore alla Costituzione”.

Difendendo la pratica, i legali del potente All India Muslim Personal Law Board hanno sostenuto, senza però poter convincere il tribunale, che “è meglio che un uomo divorzi da una donna in questo modo piuttosto che la uccida. I diritti prescritti dalla religione – hanno infine detto – non possono essere messi in discussione da un tribunale“.ANSA

Secondo gli islamici insomma, la religione è al di sopra delle leggi.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -