Bologna: Anpi storpia l’inno di Mameli per solidarietà ai migranti, Coisp insorge

 

A Bologna durante una manifestazione l’Anpi modifica l’Inno d’Italia per favorire l’integrazione, il Coisp insorge: “Iniziativa goffa che promuove l’ignoranza giocando sul solito subdolo equivoco, ma per rispettare gli altri non si deve cambiare se stessi”

bandiera

“Vestiamo la divisa e viviamo l’intera nostra esistenza votati a quella Bandiera che abbiamo giurato di difendere ed onorare. L’Inno d’Italia è la ‘colonna sonora’ ed al tempo stesso la poesia della nostra vita, ma non è certamente il solo fatto di indossare l’uniforme che ce lo fa amare così tanto o che ci fa ancora commuovere dinnanzi al Tricolore. Il fatto è che quell’Inno rappresenta tutti noi, Appartenenti alle Forze dell’Ordine o meno. Rappresenta tutti gli italiani, racchiude la nostra storia, la nostra identità, la nostra tradizione, il simbolo di un popolo che ha la sua cultura, i suoi valori, un suo volto.

Ebbene, non ci è dato comprendere perché qualcuno voglia convincerci che il nostro volto debba essere sfregiato o modificato in qualsiasi maniera. A quel volto non serve una plastica nemmeno per adeguarlo alle mode del momento. Siamo fieri della nostra identità e non possiamo sopportare che ci si spacci per ‘progresso’, per ‘modernità’ o per ‘spirito di tolleranza’ il subdolo tentativo di manipolare il nostro essere italiani. Qualcuno gioca ancora su un equivoco davvero becero, che indulge piuttosto verso l’ignoranza. L’ignoranza dei valori che contraddistinguono l’Italia fra i quali certamente rientrano la generosità e la straordinaria umanità, come tutti gli Appartenenti alle Forze dell’Ordine, peraltro, dimostrano ogni giorno. Per rispettare gli altri e per professare accoglienza e solidarietà non bisogna cambiare se stessi o rinunciare alla propria identità”.

Così Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, a proposito della notizia che a Bologna, durante una commemorazione presso alcune scuole tecnico-professionali, l’Anpi ha “ritoccato” l’Inno d’Italia. Il testo scritto da Goffredo Mameli che recita “fratelli d’Italia” è stato infatti mutato in “fratelli in Italia”, per esprimere solidarietà ed accoglienza agli immigrati.

“Questa notizia, apparentemente marginale, ci lascia abbastanza sconcertati – conclude Maccari -. Proprio dai partigiani ci aspetteremmo piuttosto esaltassero l’Inno d’Italia, che spiegassero e promuovessero la nostra storia e la nostra cultura, le nostre istituzioni, le nostre tradizioni, perché i nostri giovani capiscano da dove vengono, perché godano appieno del loro diritto all’identità e perché imparino ad avere rispetto prima di tutto di chi li ha preceduti, poi per se stessi e quindi, conseguentemente, per gli altri. Siamo convinti che sia questo il vero modo di fare cultura del rispetto”.

COMUNICATO STAMPA COISP



   

 

 

3 Commenti per “Bologna: Anpi storpia l’inno di Mameli per solidarietà ai migranti, Coisp insorge”

  1. Non mi risulta che vi siano ancora partigiani che hanno vissuto la tragedia della guerra ancora in vita e/o comunque in grado o con la precisa intenzione di modificare il loro codice d’onore. Ritengo invece che ci siano elementi che si spacciano per tali e che partigiani non lo sono mai stati e non lo saranno mai.

  2. GREGIO MACCARI . PARTIGIANI.? IN PANTOFOLE . NON HANNO PROVATO LA PAURA . NON HANNO PROVATO . LA FAME E LA SETE . AL FREDDO === E LA VITA DEL GIORNO DOPO – ANCORA VIVO – ERA UN REGALO.!!!
    IO SONO MOLTO AVANTI CON GLI ANNI … MOLTO AVANTI … TUTTI DECEDUTI PER L’ETà … = I SOPRAVVISUTI ULTRANOVANTENNI SI CONTANO SULLE DITA . ED ANCHE FRA LORO CI SONO GLI EROI DA STRAPAZZO CON LE PANTOFOLE…. NON E’ COLPA DEI SINGOLI DEI PARTIGIANI ( IO CERO E CON GLI ENCOMI OGNI TANTO DATO … HANNO CONSOLIDATO CHE FARE CHIECCHIERE IN UNA SOCETà DI FALSI E CORROTTI ; SCHIERA UNA MULTITUDINE CONTRO CON PIEDI D’ARGILLA. – APPENA TIRA IL VBENTO TUTTI PRONTI AGIRARE LA PELANDRANA. i ABBIAMO UN 50% DI CORRUZIONE + ALTRO NERO … E VIENE DATO LA COLPA AGLI ALTRI.- C’E’ SOLO DA METTERSI A RIDERE PER NON PIANGERE.- SIAMO ALLA SCOLLINARURA…”

  3. Per chi non sà.- a Modena (chiedo venia non ricordo l’idtituto , il periodo, – contro chi ) mi ricordo il fatto.!
    Studenti per farsi riconoscere fecero la “coccarda” con “verde bianca e rossa. contro esercito straniero (Francese od Austriaco.?) Morirono in tanti erano giovani . per ricordo del loro sacrificio gli altri , al tempo Italia NON unita = ne fecero la baniera – un simbolo contro qualsiasi nemico.) Chi ne fà spregio o simbolo per altri fatti . insulta per chi dette la vita.!
    sono ben accette aggiunte.!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -