Torino: Asl affida paziente psichiatrico a un peruviano, lui lo uccide di botte

 

Torino, Manuel Antonio Ramirez Fuentes ammazza di botte paziente psichiatrico Tullio Cantore: “Non sapevo più come gestirlo”

TORINO – Ha ammazzato di botte il paziente psichiatrico che aveva in affidamento perché “era troppo problematico da gestire”. L’omicidio è avvenuto la mattina dello scorso 18 novembre in corso Belgio 139 ma è stato scoperto solo alcuni giorni fa, dopo l’autopsia. La vittima è Tullio Cantore, 52 anni, morto in seguito alla grave emorragia interna provocata dalle percosse. L’assassino è Manuel Antonio Ramirez Fuentes, peruviano di 53 anni, che ha confessato tutto dopo alcuni giorni di carcere.

Il fermo, come riporta Torino Today, è stato effettuato venerdì 25 novembre dagli uomini della squadra mobile della questura, dopo che il pm Roberto Furlan ha ricevuto i risultati dell’autopsia effettuata dal medico legale Roberto Testi: le lesioni al torace non potevano essere altro che provocate da percosse precise e non da una caduta.

Dopo giorni di silenzio davanti ai poliziotti e al pubblico ministero, lunedì Ramirez è crollato nell’udienza di convalida davanti al gip Anna Ricci. “Ho perso la pazienza, l’ho ucciso io”, ha detto con a fianco l’avvocato Elena Virano. La vittima era sempre stata in comunità per i suoi problemi psichiatrici fino a quando l’Asl, con il progetto Iesa, l’aveva affidato all’omicida e alla sua convivente per 1.030 euro al mese. “Non sapevo più come fare – ha spiegato l’uomo -. Nessuno mi ha mai spiegato come gestire un caso tanto difficile”.

www.today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -