Il medico accusato di essere killer di 4 pazienti è un politico di sinistra

 

cazzaniga_taroni_saronno

Ha destato clamore la vicenda del medico anestesista accusato, insieme alla sua amica infermiera, di aver causato la morte di almeno quattro pazienti nell’ospedale di Saronno. Mentre i magistrati indagano su altre morti sospette e gli esperti dei carabinieri esaminano una cinquantina di cartelle cliniche, emergono alcuni particolari curiosi. Leonardo Cazzaniga, definito da qualche giornale “dottor morte”, era un supporter di Nichi Vendola e si era anche candidato con Sel alle elezioni comunali di Saronno del maggio 2015.

“Ho voglia di uccidere qualcuno”, intercettazioni choc tra medico e amante

“Ne parlavano benissimo”

I cittadini di Saronno alla fine scelsero come sindaco il leghista Alessandro Fagioli e la lista capeggiata dal candidato sindaco Marco Pozzi col suo 2,4 per cento non riuscì neppure ad entrare in consiglio comunale. La discesa in campo del medico è ricordata dal capolista di Sinistra Ecologia e Libertà Dario Accurso Liotta sul quotidiano di Feltri.

“Cazzaniga non aveva la tessera del partito – racconta – ma ci aveva contattato esprimendo il desiderio di candidarsi”. Una candidatura che era stata accettata senza riserve, perché l’anestesista godeva di buona fama. “Alcune compagne infermiere ne parlavano benissimo – precisa Accurso Liotta – Lo descrivevano un poco eccentrico ma devo dire che le notizie di questi giorni ci hanno colto di sorpresa. Sembrano cose davvero incredibili”.

Le notizie emerse in questi giorni e salite agli onori della cronaca lasciano evidentemente sconcertate molte delle persone che hanno conosciuto il medico. “Se fosse tutto vero – conclude Liotta – saremmo di fronte a uno sdoppiamento di personalità”

redazione tiscali

 



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -