Come si fabbrica un terrorista

 

FABBRICA-TERRORISTI

IL PEDANTE

Quando avanzi una proposta di budget per un’agenzia di pubblica sicurezza, un’agenzia di intelligence, non chiedi i soldi dicendo “Abbiamo vinto la guerra al terrore e tutto va bene”, perché per prima cosa ti dimezzerebbero il budget. Hai presente il motto di Jesse Jackson, “Mantieni viva la speranza”? Ecco, per me è il contrario: “Mantieni viva la paura“. Mantienila viva. (Thomas Fuentes, ex dirigente FBI)

Una volta a Winston capitò di accennare alla guerra contro l’Eurasia e Julia lo lasciò di stucco affermando con noncuranza che secondo lei questa guerra non esisteva. Le bombe-razzo che cadevano tutti i giorni su Londra erano probabilmente sganciate dallo stesso governo dell’Oceania, “per mantenere la gente nella paura“. Un’idea del genere non lo aveva mai neanche sfiorato. Winston aveva anche provato una specie di invidia nei suoi confronti quando Julia gli aveva detto che durante i Due Minuti d’Odio la cosa più difficile per lei era trattenersi dal ridere. (George Orwell, 1984)

In allegato a questa riflessione mi piace proporre ai lettori più pazienti il testo da me tradotto di un’inchiesta condotta dal giornalista investigativo americano Trevor Aaronson alla fine del 2011.

L’articolo è uno dei tanti (recentemente è uscito anche un documentario) in cui si descrive come l’FBI, nel condurre le proprie attività di contrasto al terrorismo islamico sul territorio degli Stati Uniti d’America, crei ad arte queste minacce selezionando, istruendo, armando e finanziando i soggetti che succeSsivamente si vanterà di avere arrestato.

In sintesi, funziona così. Gli agenti federali reclutano un “informatore”, preferibilmente di origini mediorientali e con carichi penali pendenti, in modo da poterlo ricattare qualora non collaborasse, e lo infiltrano in una comunità islamica con l’incarico di fingersi membro di un’organizzazione terroristica e individuare soggetti poveri, disadattati e/o psicolabili ai quali proporre un attentato. Grazie al supporto logistico e finanziario prestato dall’FBI, l’infiltrato fornisce al suo pupillo denaro, armi ed esplosivi, gli suggerisce un piano e lo mette in condizione di realizzarlo rimuovendo ogni eventuale ostacolo alla sua attuazione. Poi, subito prima che azioni il detonatore, l’FBI arresta l’”attentatore” in flagranza di reato e un tribunale federale lo condanna a decine di anni di carcere per tentato atto terroristico.

Lo schema replica fedelmente la vicenda narrata da George Orwell in 1984, dove il dirigente governativo O’Brien si finge un dissidente per conquistare la fiducia di Winston e Julia affinché si dichiarino pronti a compiere atti terroristici e giurino fedeltà al fantomatico cospiratore Emmanuel Goldstein (in un caso descritto nell’inchiesta, la talpa dell’FBI fa recitare a un sorvegliato un finto giuramento ad Al Qaeda). I due protagonisti del romanzo, credendo di avere trovato complicità e rifugio presso un antiquario – in realtà un membro della psicopolizia – finiranno per essere arrestati e torturati dallo stesso O’Brien.

Rispetto alla fantasia di Orwell, nella realtà dell’antiterrorismo americano le prede non sono cittadini politicamente consapevoli, ma soggetti indigenti, psicologicamente disturbati e cresciuti nella miseria materiale e morale dei ghetti, che nelle comunità islamiche locali cercavano forse una via di fuga dall’emarginazione e un riferimento identitario. E i loro falsi amici non sono alti dirigenti di partito, ma avanzi di galera, truffatori, spacciatori e violenti ingaggiati dallo Stato in cambio di qualche soldo o di uno sconto di pena per ingannare il prossimo e l’opinione pubblica.

I “terroristi” incastrati e arrestati dall’FBI non sono evidentemente tali, neanche se lo volessero. Disadattati che sopravvivevano ai margini di una società diseguale e iperclassista, genericamente arrabbiati col mondo, avrebbero ingrossato al più le fila della piccola criminalità e “non avrebbero fatto nulla se gli agenti governativi non ce li avessero spinti a calci nel sedere” (Aaronson, pag. 4). Essi appaiono piuttosto vittime sacrificali che il governo ha utilizzato per vantare successi nella lotta al “terrorismo” interno, mantenendo al contempo alta l’attenzione del pubblico verso quella presunta minaccia. Coniugando così la distopia orwelliana con il fanatismo di epoche lontane, quando emarginati, storpi e ritardati mentali erano indotti a confessare relazioni col diavolo (che è il nome antico – e più onesto – di Goldstein e Bin Laden) e immolati per appagare la paura e l’ignoranza dei benpensanti, cementandone la fiducia nell’autorità.

Sarebbe fin troppo facile – ma giusto – osservare che le risorse impiegate per incastrare quei disgraziati avrebbero potuto essere spese per alleviare le piaghe che li hanno partoriti – disoccupazione, negato accesso all’assistenza sanitaria, bassa scolarità, degrado materiale ecc. – e per bonificare un sottobosco dove, se non il terrorismo, covano disagio, esclusione e rabbia sociale.

Ma qual è lo scopo di questa pantomima? Perché il governo americano “crea crimini per risolvere crimini” (ibid.)? La risposta è suggerita dalla citazione che apre questa pedanteria: mantenere viva la paura. E non certo allo scopo di tutelare gli stipendi e i livelli occupazionali dell’FBI, che dubito figuri tra le priorità odierne del governo americano.

Sui modi in cui la sedicente “guerra al terrore” abbia allargato il potere e la ricchezza di poche élites, nonché il terrorismo stesso, sottraendo libertà e sicurezza al restante 99% della popolazione, sono stati scritti articoli e libri. Se ne è anche accennato su questo blog a proposito di socialismo dei ricchi. Un popolo impaurito è più agevole da controllare e meno propenso a mettere in discussione gli atti di un governo percepito come unico presidio possibile contro la furia de-civilizzante dei “cattivi”. Come la pecora con il suo pastore, quel popolo si lascerà condurre verso qualsivoglia esito gli sia presentato come salvifico e risolutivo rispetto all’emergenza che incombe. Lo si è visto dopo i recenti fatti di Bruxelles, all’indomani dei quali rappresentanti politici e giornalisti hanno invocato, con inquietante sincronia, un’accelerazione del processo di unificazione politica e militare degli stati europei. Un non sequitur totale, il cui tempismo e la cui accettazione diffusa dimostrano come la paura serva gli obiettivi del dominus preservandoli dal vaglio critico delle masse.

Sicché non stupisce che, se gli eventuali sceicchi del terrore battono la fiacca, il compito di mantenere vivi l’allarme e il pungolo dello spavento possa toccare direttamente ai governi che vogliano operare in deroga al compromesso democratico.

L’inchiesta di Trevor Aaronson ha il pregio di presentare il fenomeno con rigore documentale, calandolo nel suo contesto storico e giuridico. Dopo gli eventi di Parigi e Bruxelles, il fatto che il nostro alleato più importante – lo stesso che si è intitolato il ruolo di difendere l’occidente dai terroristi – impieghi le proprie forze dell’ordine per escogitare piani terroristici, reclutarne gli esecutori, indottrinarli, armarli e metterli in condizione di operare, è un dettaglio che penso ci debba riguardare. Come minimo, segnala che il rapporto tra governi occidentali e terrorismo islamico è molto più complesso e simbiotico di quanto non emerga dal mortificante manicheismo delle narrazioni mediatiche.

In quanto poi al dubbio che, una volta confezionato l’attentato e l’attentatore, i burattinai governativi possano “dimenticarsi” di fermare la mano di chi aziona la bomba, è questione non documentabile che lascio alla fiducia che ciascun lettore ripone nel buon senso e nelle buone intenzioni di chi ci governa.

Aggiornamento. Poche ore dopo la pubblicazione dell’articolo mi imbatto nella seguente notizia: “Rifugiato di Gaza rischia la deportazione dalla Francia per essersi rifiutato di diventare un informatore” dei servizi segreti francesi. Lo schema è quindi sbarcato ufficialmente anche in Europa. Prepariamoci al teatro.

***

Trevor Aaronson, Come si fabbrica un terrorista  Leggi >>>>>

 



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -