Carceri, Mattarella: “Sviluppare un sistema di pene alternative”

 

mattarella-papa

“La rieducazione, che la nostra Costituzione prescrive, non è un percorso facile. Lo Stato deve impegnarsi per la sua parte, moltiplicando le occasioni per la formazione, per il reinserimento sociale, e sviluppando un sistema di pene alternative”.

Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un videomessaggio ai detenuti di Poggioreale, a Napoli. “Il carcere non è, e non deve mai essere, il luogo dove viene negata la speranza”.

“L’istituzione carceraria rappresenta per lo Stato una necessità non derogabile, ma alcune volte anche una sconfitta”. In questo ultimo caso “diventa anche una sconfitta quando a varcare le porte del carcere è un giovane proveniente da un contesto sociale difficile e segnato da una forte presenza di criminalità. È una sconfitta, perché segnala la carenza del sistema educativo e della vicinanza dello Stato”

“Servono anche, come è naturale, l’attenzione e la partecipazione della società civile, degli intellettuali, degli artisti, dei mezzi di comunicazione. Perché chi esce dal carcere non sia un isolato – ha detto Mattarella – ma torni a sentirsi a pieno titolo cittadino e membro della nostra comunità nazionale. Cambiare vita è possibile, ed è l’unica strada positiva. Io sarò attento alla vostra condizione”.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -