Bimba invalida a rischio sfratto. Campidoglio: “Al lavoro su soluzione”

 

mazzillo_Maria noemi

“Vogliamo che Maria Noemi continui a vivere nella casa in cui è cresciuta e stiamo lavorando per renderlo possibile. È quanto ho assicurato a Emanuel Mariani, il padre della bambina disabile che risiede nell’alloggio assegnato dal Comune di Roma alla sua famiglia nel 2006″. Così l’assessore capitolino al Bilancio Andrea Mazzillo.

“Questa mattina, prima che entrambi iniziassimo la giornata di lavoro, io ed Emanuel ci siamo incontrati per un caffè nei pressi della sua abitazione – aggiunge Mazzillo – Gli ho ribadito che la nostra amministrazione ha avanzato una richiesta di parere all’avvocatura capitolina in merito alla possibilità di riconsiderare i provvedimenti di rilascio forzoso che riguardano diversi alloggi, tra i quali il suo, sulla base delle previsioni normative della legge 241/90. Tali provvedimenti sono stati emessi dagli uffici del Campidoglio a seguito di una condanna del dirigente comunale che all’epoca effettuò le assegnazioni, ritenute irregolari dalla magistratura. Un’eventuale sospensione degli sfratti ci darebbe la possibilità di lavorare a un duplice obiettivo: quello prioritario è di studiare tutte le soluzioni che consentano a Maria Noemi di restare nella casa dove attualmente vive, in considerazione della necessità di garantirle la continuità dell’assistenza sanitaria che verrebbe penalizzata da un suo trasferimento. La grave disabilità da cui è affetta rende infatti necessaria un’assistenza ‘h24’, ora assicurata all’interno dell’appartamento”. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -