UE, Draghi: “Una casa costruita a metà è fragile, servono progressi”

 

“Un’importante lezione” che abbiamo imparato “dalla crisi è che una casa costruita a metà non è stabile, ma fragile. Quindi servono progressi” in tutti i campi “identificati dal Rapporto dei Cinque Presidenti” per superare le vulnerabilità dell’Unione Economica e Monetaria “derivanti dalla sua incompletezza”. Lo sottolinea il presidente della Bce Mario Draghi, in audizione davanti alla Commissione Econ del Parlamento Europeo, a Bruxelles.

“E’ molto difficile valutare esattamente l’impatto” di avvenimenti che riguardano la sfera politica o geopolitica “nel medio termine”, dice Draghi rispondendo alla domanda di un eurodeputato sulle possibili conseguenze del risultato del referendum sulla riforma costituzionale in Italia sui mercati e sulle banche italiane. “Guardando agli eventi recenti – osserva Draghi – è abbastanza chiaro che l’incertezza geopolitica diventa una grande fonte di incertezza” per i mercati, ma “la tendenza” che abbiamo visto negli ultimi tempi è “una reazione” dei mercati molto finanziari nel breve termine, mentre “in seguito la reazione dei mercati ha avuto una tendenza a placarsi”, cosa che porta a concludere che “i mercati sono stati più resilienti”.

“Ma questo – ammette Draghi – non significa che sappiamo che cosa avverrà nel medio termine”, poiché avvenimenti “piuttosto profondi” influenzeranno “la realtà” delle cose in un modo che è arduo prevedere. ADNKRONOS



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -