Trieste: minorenne aggredita in Giardino pubblico, arrestato richiedente asilo

 

Qualche sera fa il personale del 3° Distretto della Polizia locale di via Giulia è stato allertato da alcuni cittadini per la presenza di un giovane riverso al suolo, privo di sensi, all’interno del Giardino Pubblico. La pattuglia raggiunto il luogo si è trovata davanti una persona che sembrava sotto l’effetto dell’alcol o di qualche sostanza stupefacente.

Mentre gli agenti chiamavano il soccorso sanitario e inizia a raccogliere informazioni sull’uomo, questo si è ridestato iniziando poi a dare in escandescenze tanto che la pattuglia ha avuto il suo bel daffare per calmarlo e scortarlo all’ospedale per le cure necessarie.

In pochi minuti però, dalle testimonianze di molte persone presenti nel giardino, è saltato fuori che, B.A.K. – queste le sue iniziali, 26enne afgano richiedente asilo, già noto alle forze dell’ordine – poco prima di essere ritrovato svenuto sul selciato, aveva avvicinato e aggredito una ragazzina minorenne a passeggio con un’amica lungo i viali del giardino; la ragazza, supportata dall’amica, aveva avuto la prontezza d’animo di divincolarsi e scappare per chiedere aiuto.

Nel corso della serata, gli investigatori del Nucleo di polizia giudiziaria hanno rintracciato la ragazza e i suoi famigliari che hanno poi sporto denuncia di aggressione; nel contempo gli agenti hanno riscontrato prove sufficienti a dimostrare la colpevolezza B.A.K.

Il 26enne richiedente asilo è stato condotto nel carcere di via Coroneo, a disposizione del Magistrato. A suo carico sono stati ipotizzati i reati di violenza sessuale ai danni di minorenne (procedibile d’ufficio) e resistenza a pubblico ufficiale.

triesteprima.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -