Spacciatore pesta un agente, subito libero

 

polizia-agente-pastato

Ladro libero e poliziotto che lo ha arrestato “ai domiciliari”. L’ultimo caso, denuncia il sindacato di polizia, in cui un agente viene aggredito, picchiato e infine umilitato da una giustizia che non fa mai in modo che i responsabili paghino per i reati commessi.

“Al momento dell’arresto – racconta l segretario generale regionale del Coisp Calabria (Sindacato indipendente di polizia), Giuseppe Brugnano – l’uomo ha cercato la fuga, al punto da lanciarsi da una finestra, ne è nata una colluttazione con il poliziotto presente che ha riportato alcune fratture. Alla fine della giornata, per lo spacciatore, un cittadino senegalese, il giudice ha convalidato l’arresto senza disporre alcuna misura e facendolo tornare subito in libertà’. Il poliziotto ha invece trascorso la giornata al pronto soccorso dell’ospedale di Catanzaro, ed ora si trova “ai domiciliari” per i trenta giorni di prognosi necessari per le ferite riportate. Siamo all’assurdo”.

Il poliziotto pestato

Il poliziotto è “ai domiciliari” a causa delle fratture riportate in servizio. Non certo per motivi giudiziari. Ma visto che il malvivente è potuto tornare subito a fare il suo “lavoro”, fa impressione pensare che mentre l’agente per il suo intervento dovrà rimanere a casa con le ossa rotte, il giudice abbia pensato di liberare immediatamente lo spacciatore. È normale che alla fine i poliziotti si sentano “ingabbiati” da una giustizia che non li premia mai.

Secondo il Coisp, “c’e’ una falla evidente nel sistema giudiziario, basti pensare che lo spacciatore protagonista di questa vicenda non ha mai trascorso un solo giorno in carcere. In questo modo la giustizia diventa non credibile e chi delinque sa bene di essere quasi tutelato da un sistema legislativo che non solo non prevede la certezza della pena, ma che non garantisce nemmeno una risposta immediata: chi delinque, infatti, torna in libertà’ dopo poche ore”. Infine “un appello al Governo nazionale perché riveda il sistema legislativo e giudiziario, garantendo risposte concrete sia nei confronti dei delinquenti che di chi, ogni giorno, rappresenta lo Stato per garantire la legalità’”.

IL GIORNALE



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -