Jet privato pagato con soldi pubblici per portare Benigni a Bruxelles

 

benigni

Invito a dedurre. E’ il provvedimento con cui, in questo caso, la Corte dei Conti di Perugia chiede conto la ministra dell’Istruzione Stefania Giannini e all’attore e regista Roberto Benigni dei 16 mila euro spesi nel 2011 per mettere a disposizione del comico un jet privato Falcon per un viaggio da Roma a Bruxelles. La ministra e l’artista dovranno produrre entro trenta giorni documenti e la propria versione dei fatti, rispetto ai quali i contabili di Perugia ravvisano uno spreco di denaro pubblico. Perché l’aereo per portare Benigni da Ciampino a Bruxelles fu pagato dall’Università di Perugia, di cui all’epoca la Giannini era rettore (infatti il provvedimento della Corte dei Conti si allarga a comprendere Antonella Bianconi, che in quel periodo dirigeva l’Università per stranieri).

“Aveva il gesso”

La ministra ha spiegato che il volo privato per Benigni, esplicitamente chiesto dall’attore, si era reso necessario perché a causa di un incidente era rimasto infortunato ad una gamba, aveva il gesso. E che quanto organizzato in quella occasione (era il 9 novembre 2011) avveniva nell’ambito delle celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia, per cui Benigni avrebbe tenuto un recital a Bruxelles recitando e spiegando un canto della Divina Commedia. Già al ritorno i giudici contabili ravvisarono un eccesso di spesa, su cui adesso avviano accertamenti. Per Benigni è un’altra tegola sulla testa, dopo la vicenda della patente ritirata dopo il sorpasso contromano in auto nel centro di Roma.

redazione tiscali



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -