Adescava un minore, richiedente asilo arrestato a Gradisca

 

Un ospite del centro immigrati di Gradisca d’Isonzo (non è stato possibile appurare se di nazionalità afghana o pakistana) ha iniziato ad importunare con una certa insistenza un minorenne gradiscano non lontano dal Cara. Gli avrebbe offerto anche dei soldi – scrive il Piccolo -  con intenti, fanno sapere le forze dell’ordine, «chiaramente di natura sessuale».

Ma tutto è avvenuto sotto gli occhi attenti di una pattuglia della Polizia di Stato che stava passando proprio in quei frangenti davanti al centro immigrati gradiscano. Gli agenti, visto che il quadro era estremamente chiaro e non erano necessarie grande interpretazioni relativamente all’accaduto, hanno immediatamente arrestato il richiedente asilo.

A confermare i fatti il questore Lorenzo Pillinini, raggiunto telefonicamente ieri sera. «I fatti sono molto lineari. L’immigrato ha cercato di adescare il minore, gli ha offerto anche una somma di denaro con l’intenzione evidente di consumare un rapporto di natura sessuale – fa sapere il questore -. La sua sfortuna è stata che, proprio in quei frangenti, una pattuglia della Polizia l’ha tenuto sott’occhio. L’immigrato è stato subito identificato ed è emerso che era un ospite del Cara».

Il richiedente-asilo è stato arrestato e ha già passato la notte alla casa circondariale di via dei Barzellini, a Gorizia. «La procedura, in questi casi, è molto semplice e codificata: all’immigrato verrà immediatamente revocata l’accoglienza e scatterà l’espulsione dall’Italia», aggiunge il questore di Gorizia.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -