Rapì la figlia e la portò in Siria, fermato in Turchia

 

Alice Rossini, mamma della piccola Emma

Alice Rossini, mamma della piccola Emma

20 NOV – È stato fermato dall’Interpol in Turchia, in esecuzione di mandato di arresto internazionale emesso dal Tribunale di Monza, Mohamed Kharat, il quarantenne siriano che cinque anni fa ha rapito la sua bambina Emma Houda di 4 anni, portandola via alla madre Alice Rossini, residente a Vimercate (Monza), e dall’Italia, facendone perdere le tracce dopo averla probabilmente trasferita in Siria.

A renderlo noto è l’avvocato della madre della piccola Emma, Luca Zita, il quale si è già messo in contatto con le autorità italiane in Turchia e con il Ministero degli Esteri.
“Ho parlato con il Ministero – dichiara – Kharat è stato arrestato e portato in un centro di detenzione turco per stranieri, ma mi hanno detto che potrebbe essere rimandato in Siria”. Secondo quanto sostiene il legale, una volta in Siria il quarantenne svanirebbe nel nulla. ansa

Te la faccio tornare in una bara bianca, aveva detto il musulmano alla moglie, riferendosi alla figlia

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -