Il direttore generale della Sapienza non è laureato. Gestisce 800 milioni di euro

 

L’Università La Sapienza di Roma è il più grande ateneo d’Europa. Nelle sue aule si forma la futura classe dirigente. A capo dell’amministrazione da quindici anni è il direttore generale Carlo Musto D’Amore, 68 anni, senza una laurea ma con un diploma di geometra.

Le vicende dell’ateneo sono da sempre legate a quelle del policlinico Umberto I, il primo ospedale universitario in Italia. Il direttore generale è Domenico Alessio, 77 enne, anche lui pensionato, nominato dall’ex rettore della Sapienza, Luigi Frati, e dall’ex presidente della Regione, Renata Polverini.

Nel 1989 riesce a vincere (sempre senza laurea) «un corso-concorso nazionale per dirigenti universitari», e sei anni dopo viene chiamato alla Federico II: vicinissimo all’allora rettore Fulvio Tessitore, eletto poi senatore con i Ds, diventa «vicario del direttore amministrativo». Un titolo sufficiente per diventare qualche anno dopo capo dell’ateneo della Capitale

La sua pensione vale 200mila euro all’anno. Non solo: è anche indagato per abuso di ufficio.

Gestisce il bilancio dell’università (quasi un miliardo di euro l’anno) ed è stato assunto 14 anni fa e rimarrà “di ruolo” fino al 2017, visto che nel 2013 ha firmato il suo quarto contratto consecutivo: è stato l’ex rettore Luigi Frati a rinnovargli la fiducia. Ma gli scandali che coinvolgono l’università di Roma non finiscono qui.“

Da 14 anni è lui a gestire appalti e gare. A Roma entra nei giri che contano, e nel 2007 la presidenza del Consiglio (al tempo c’era Romano Prodi) lo fa pure nominare Ufficiale della Repubblica.

Il primario che operava i manichini, Chirurgo e figlio del rettore della Sapienza

Il direttore dell’università di Roma è un geometra, indagato e senza laurea

Il Rettore della Sapienza alle Forze dell’Ordine: “Polizia di merda”

Guai giudiziari per il rettore dell’Universita’ La Sapienza, favorì il figlio

 



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -