Ricatto islamico: “Dateci le moschee o pregheremo in Vaticano”


Roma Nonostante la protesta organizzata dalla comunità musulmana al Colosseo contro la chiusura delle moschee abusive, la polizia locale di Roma Capitale, nei giorni scorsi, ha apposto i sigilli ad un’altra sala preghiera in via Montenovesi, nel quartiere Boccea.

Come scrive il giornale.it, i musulmani romani hanno perciò annunciato una nuova mobilitazione. Quella di Boccea, infatti, è la sesta moschea non a norma ad essere posta sotto sequestro in pochi mesi. Il motivo è sempre lo stesso: abusi edilizi e mancato rispetto delle norme per la sicurezza all’interno dei locali. Di sale-preghiera così, a Roma, ce ne sono circa 52.

Si chiamano centri culturali islamici, ma in realtà sono vere e proprie moschee, ricavate in garage, scantinati o ex magazzini, che ogni venerdì accolgono centinaia di fedeli islamici

«Qui pregano fino a 300 persone, se ci chiudono dove andiamo?», ci dice Hussein che lavora in una ferramenta a Tor Pignattara, a pochi metri dal centro islamico dove tutti i giorni viene a pregare. Questo quartiere della periferia est di Roma, dove la metà degli abitanti sono musulmani, è il cuore della protesta islamica contro la chiusura dei luoghi di culto.

«Noi viviamo qui, lavoriamo qui, non possiamo mica andare a pregare ai Parioli – spiega Anwar, presidente di una sala preghiera del quartiere -. In Italia non c’è una legge per le moschee, quindi noi troviamo i locali e li sistemiamo a modo nostro».

Qui a Tor Pignattara l’ennesima chiusura la considerano «una presa in giro», perché è avvenuta mentre era ancora aperto il tavolo tra la Prefettura, il Comune e le associazioni islamiche, per trovare una soluzione al problema.

«La situazione va risolta a livello sociale e politico, continuando con le chiusure non si risolve nulla – afferma Bachcu, presidente dell’associazione Duhuumchatu e organizzatore della manifestazione al Colosseo -. Una sala preghiera non può essere chiusa per un problema che riguarda l’urbanistica, pregare è un nostro diritto fondamentale e se insistono nel chiudere le moschee, continueremo a pregare nelle piazze».

«Venerdì prossimo, l’11 novembre, pregheremo in zona Prati», annuncia Bachcu, che spiega come i giovani islamici italiani di seconda generazione avessero in programma anche un flash mob di protesta: «Volevano andare a pregare Allahu Akbar in tutta la città, al Vaticano, nelle piazze o davanti alla chiese, per provocare. Alla fine siamo riusciti a fermarli, ma se partono queste iniziative, cosa facciamo?».

Neppure la concessione, da parte del V Municipio, di una palestra pubblica per la preghiera del venerdì è servita a placare gli animi.

«Abbiamo accettato solo per non passare da maleducati, ma non abbiamo bisogno di questo locale perché le sale preghiera le hanno chiuse a Centocelle, non a Tor Pignattara» – ci spiega Bachcu, mostrandoci il protocollo d’Intesa che ha firmato con il Comune di Roma per usufruire, una volta a settimana della palestra, che si trova in una ex scuola del V Municipio -. Non abbiamo ancora le chiavi e non so neanche se la utilizzeremo, visto che un comitato di cittadini ha pure minacciato di darci fuoco se andassimo a pregare lì. Il sindaco Raggi deve intervenire per risolvere il problema finché le cose sono gestibili. Non possono lasciare 120mila musulmani a pregare in strada».

E in strada, centinaia di musulmani romani, scenderanno di nuovo venerdì prossimo, per pregare rivolti alla Mecca.



   

 

 

1 Commento per “Ricatto islamico: “Dateci le moschee o pregheremo in Vaticano””

  1. Be questa e una bella pensata, cosa aspettate li troverete il Papa che vi attende a braccia aperte, anche perchè siete suoi fratelli, quindi non ci dovrebbero essere alcun problemi, cosi fate due piaceri! uno agli Italiani e laltro al Vaticano!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -