La UE lancia il “passaporto universitario” per i rifugiati

 

4 nov. (askanews) – La ripresa di un corso universitario interrotto dalla guerra e l’esilio sono al centro di un progetto pilota per i rifugiati che il Consiglio d’Europa si prepara a lanciare in Grecia. Il punto è dotare i Paesi di accoglienza di strumenti comuni per consentire ai giovani, che conflitti e l’esilio hanno privato degli studi universitari, di riprendere i corsi, spiega all’Afp Sjur Bergan, responsabile del progetto.

Sulla base di un programma messo a punto in Norvegia, l’idea è di dotare gli interessati di un “passaporto”, rilasciato da una commissione di due membri incaricati di certificare i diversi percorsi universitari. Insieme alla Grecia, sono coinvolti nel progetto anche Norvegia, Italia e Regno Unito, tramite le loro agenzie nazionali di riconoscimento accademico. Compito del Consiglio sarà di convincere i Paesi di accoglienza ad aprire le porte ai detentori di tali passaporti. Compresa la Turchia, membro del Consiglio, e crocevia dei flussi migratori diretti in Europa. (con fonte Afp)



   

 

 

1 Commento per “La UE lancia il “passaporto universitario” per i rifugiati”

  1. e chi pagherà le rette universitarie????

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -