Clinton, Washington Post: “Fbi e polizia sapevano delle mail”

 

Il capo dell’Fbi, James Comey, e i più alti ranghi della polizia federale americana sapevano delle nuove mail che coinvolgevano Hillary Clinton dall’inizio di ottobre. A rivelarlo è il “Washington Post”, secondo il quale fu deciso di non comunicare immediatamente la notizia al Congresso e si è preferito attendere ulteriori prove prima di riaprire l’indagine.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Ma Obama si ostina difendere la candidata “democratica”

A meno di una settimana dal voto per le presidenziali Usa dell’ 8 novembre, il presidente Barack Obama si schiera contro l’Fbi e scende in campo per sostenere la candidata democratica Hillary Clinton.

In un’intervista a NowThis News Obama contesta l’operato dell’Fbi che ha annunciato l’apertura di una nuova inchiesta sulla candidata, per accertare “l’eventuale” rilevanza di nuove email. “Credo che ci sia una norma secondo la quale, quando ci sono indagini, non si opera su insinuazioni, su informazioni incomplete e non si opera sulla fuga di notizie”, spiega Obama. “Si opera sulla base di concrete decisioni che sono state prese”, ha attaccato il presidente.

Quando Hillary venne messa sotto inchiesta, l’ultima volta, per l’utilizzo di un server di posta privato mentre era Segretario di stato, “le conclusioni dell’Fbi, del dipartimento di Giustizia e delle ripetute indagini congressuali furono che lei aveva commesso degli errori ma che non era emerso nulla di perseguibile”, ha tenuto a ricordare Obama. agi



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -