Milano: festa alla Montello per “costruire un quartiere meticcio e solidale”

 

MILANO, 1 NOV – Decine di persone si sono radunate fin da questa mattina di fronte alla caserma Montello per la festa di quartiere organizzata dal comitato zona 8 solidale, che si è costituito proprio per costruire una buona accoglienza nei confronti delle persone ospitate da ieri nella struttura. Uno striscione dice ‘welcome, benvenuti’ alle persone (le prime decine dei 300 migranti previsi) arrivate all’alba di ieri, che si sono unite alla festa in loro onore.

Alla festa hanno aderito Anpi, Fiom, Sinistra italiana, Emergency, Camera del lavoro, Giovani democratici e Arcì. Durante la giornata musica e cibo di strada “con le realtà che lavorano sul territorio pronte a raccontarsi e a costruire un quartiere meticcio e solidale per dire che – spiegano gli organizzatori – ‘Qui nessuno é straniero’”. Il Comitato di Zona ha voluto organizzare questa giornata anche come contromanifestazione alle iniziative di protesta, l’ultima delle quali ieri sera, promosse da settimane contro l’arrivo dei migranti alla caserma Montello.

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

4 Commenti per “Milano: festa alla Montello per “costruire un quartiere meticcio e solidale””

  1. Chi vuole esprimere col suo fare la sua idiozia lieto sia, ma eviti poi di chiedere sostegno in quanto non degno.

  2. Ho girato un po’ il Mondo e sfido chiunque a trovarmi un quartiere negro, dove un bianco o un asiatico possano entrare senza essere malmenati (se va bene), i quartieri “meticci e solidali” sono solo nelle fantasie lisergiche di alcuni “ottimisti” o nelle parole di chi con l’immigrazione ci guadagna (preti e compagni).

  3. Non riusciranno a meticciare il quartiere, ma certamente si trasformerà con un ghetto, ed i suoi abitanti autoctoni di trasferiranno gradualmente, altrove.

  4. Che si siano mai resi conto della loro imbecillità?

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -