UE: nuove sanzioni contro la Siria

 

BRUXELLES – Altri dieci tra alti funzionari militari e personalità di spicco legate al regime di Damasco sono stati aggiunti alla lista delle persone o entità sottoposte alle sanzioni della Ue. Lo ha deciso il Consiglio dopo la riunione dei rappresentanti permanenti (Coreper), che ha messo in atto quanto indicato nelle conclusioni del Consiglio esteri del 17 ottobre sulla Siria in quelle del vertice europeo, che aveva deciso di escludere la minaccia di nuove misure economiche contro la Russia. Con i dieci nomi aggiunti oggi, sono 217 i siriani sottoposti al congelamento dei beni al divieto di viaggio nel territorio dell’Unione europea con la scusa di “repressione violenta contro la popolazione civile in Siria“.

Inoltre, sono 69 le ‘entità’, tra cui la Banca centrale siriana, oggetto di congelamento dei beni. Le sanzioni europee attualmente in vigore e rinnovate fino al primo giugno 2017 includono l’embargo sul petrolio, il blocco di alcuni investimenti e dell’export di attrezzature per la repressione interna o il monitoraggio di comunicazioni telefoniche o online. ANSA EUROPA



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -