PD: a Roma con 300 pullman, 8 treni charter e 4 aerei per dire Sì al referendum

 

pecore

Quattro aerei dalle isole, 8 treni charter, di cui quattro “Frecce”, circa 300 pullman, oltre alle persone che arriveranno sui treni ordinari o con mezzi propri. Venticinquemila biglietti della metro comprati dagli organizzatori. Sono le cifre della manifestazione a sostegno del Sì al referendum costituzionale in programma sabato prossimo a piazza del Popolo a Roma.

La manifestazione si aprirà alle 14 e terminerà alle 18, con l’intervento conclusivo di Renzi. Che da piazza del Popolo raggiungerà poi la Nuvola di Fuksas all’Eur con la signora Agnese per la serata inaugurale a inviti. Prima di Renzi, sul palco di piazza del Popolo, nessun politico ma personaggi “normali” e gruppi musicali.

“Abbiamo 50 musicisti in arrivo da tutta Italia – spiega Massimo Gramigni, organizzatore di concerti fiorentino, a cui Renzi ha affidato la giornata -. Abbiamo voluto band di musica popolare, se i Rolling Stones ci avessero detto che volevano venire avremmo detto loro di no”. Tra gli altri ci saranno l’ensemble tarantolato di Antonio Castrignanò; la Nuova compagnia di Canto Popolare; l’Orchestra di piazza Vittorio; i cantori e musicisti di Amatrice. Insieme a loro, sul palco, saliranno cittadini impegnati ogni giorno nella società civile come Pietro Bartolo, medico di Lampedusa.

“Racconteranno – spiega Gramigni, che oggi ha visto Renzi a Palazzo Chigi prima di spostarsi al Nazareno – l’Italia in questi due anni e mezzo di governo”.Sul palco con il tetto trasparente ci sarà lo slogan ‘Un’Italia più forte per una Europa più giusta’, il Pincio sarà “vestito” con una bandiera lunga 100 metri fatta dai Giovani democratici e tre maxischermi trasmetteranno le immagini della manifestazione, ma anche la diretta degli arrivi. “Abbiamo chiesto a tutti – spiega Gramigni – di testimoniare il viaggio verso Roma con Facebook live e Periscope”. Anche gli eletti (e forse anche Renzi) arriveranno nella Capitale in treno.

Piazza del Popolo sarà anche l’occasione per misurare la “temperatura” dello scontro interno al Pd. Se ormai pare scontata l’assenza dei bersaniani, alla manifestazione potrebbe arrivare Gianni Cuperlo, dal momento che la commissione creata per rivedere l’Italicum sembra indirizzata verso un risultato positivo, o comunque accettabile per il deputato della minoranza Dem.Da piazza del Popolo, è l’obiettivo di Renzi, si aprirà il rush finale della campagna referendaria per il sì, che già il fine settimana successivo vedrà l’appuntamento della Leopolda (dal 4 al 6) a Firenze. L’organizzazione della classica kermesse renziana, arrivata alla settima edizione, è affidata quest’anno direttamente a Luca Lotti, con la regia di Simona Ercolani. Nei primi giorni della prossima settimana, dopo aver “archiviato” piazza del Popolo, gli organizzatori si riuniranno per definire il programma, che potrebbe vedere qualche ritocco al format, in particolare per quanto riguarda la giornata del sabato. (askanews)



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -