Migranti, Alfano: requisizioni quando i Comuni non collaborano

 

alfano-viminale

Le requisizioni avvengono quando i comuni non collaborano; se i comuni collaborano e si trovano altre soluzioni non c’è motivo alcuno per fare le requisizioni ed io stesso in una direttiva dei primi di ottobre ho chiesto ai nostri prefetti: prima parlate con i sindaci, nessun provvedimento deve arrivare dall’alto. Ma quando arrivano i migranti e vi è la necessità di collocare in condizioni civili questi migranti e i sindaci non danno risposte i prefetti devono trovare una soluzione”.

Lo ha detto il ministro dell’Interno Angelino Alfano durante il question time alla Camera. “Sui fatti di ieri, io ho visto anche un tentativo di giustificare – ha aggiunto -. Io voglio essere molto chiaro: da Ministro dell’interno, mi sono sempre sforzato di trovare un punto di equilibrio tra il sacrosanto diritto alla protesta e la necessità di garantire l’ordine pubblico. Quanto accaduto ieri è legittimo dal punto di vista della idea di protesta, ma dal punto di vista pratico, bloccare la strada per non fare arrivare 12 donne di cui una incinta è un qualcosa che, l’ho detto ieri e lo ripeto oggi, non è lo specchio dell’Italia”.



   

 

 

2 Commenti per “Migranti, Alfano: requisizioni quando i Comuni non collaborano”

  1. Venite a requisire a casa mia ma ci dovete venire di persona se avete il coraggio! non che ci mandate qualche povero carabiniere che la pensano come la maggior parte degli Italiani!

  2. il ministro Alfano ha detto che non gli piace che la gente abbia bloccato la strada per non fare arrivare i Clandestini non emigrati prego! perchè forse lo specchio dell’Italia e quello che nessuno sa nulla e ha un attività di punto in bianco arriva il prefetto e nel giro di poche ore requisisce un ostello privato perchè ci dovete mettere dei Clandestini senza avvisare prima sia il Sindaco che i cittadini? ma che siamo tornati in dittatura!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -