“Chiudere la ‘Casa dei diritti’ di Milano, vergognoso ente ideologico”

 

Il 22 ottobre è stato effettuato un presidio di protesta davanti alla cosiddetta “Casa dei Diritti” del Comune di Milano, sita in via De Amicis, chiedendone la immediata chiusura.

Si tratta di un Ente di indottrinamento ideologico a senso unico, e non ha senso che esista in un sistema democratico”, affermavano i manifestanti.

milano-lgbt

Ricordiamo che questa struttura, voluta dall’ assessore ai servizi sociali Majorino nel 2013, dietro il paravento di servizi molto “discutibili” (come lo sportello LGBT o quello per i genitori “same sex”) effettua invece una sistematica attività di propaganda a senso unico; indirizzata verso la ideologia arcobaleno, dei “nuovi diritti” e delle tesi radicali sul fine vita.

Afferma Matteo, fra gli organizzatori del presidio: “I convegni, gli incontri e tutte le attività che si svolgono in questa pseudo-istituzione , e pure gli articoli che troviamo sulle loro pagine Internet, sono orientati in un certo senso, e senza contraddittorio. Si tratta di una vera e propria struttura di regime. Ciò non è ammissibile. In uno stato democratico ognuno ha diritti di pensarla come vuole. Ma proprio per questo la propaganda di parte deve essere effettuata da partiti politici, associazioni private non direttamente dall’ Ente Pubblico mediante le sue istituzioni, e usando i soldi pubblici. Ciò è un abuso di potere e di un uso distorto delle istituzioni”.

A conferma di quanto affermato, sul banchetto situato all’ interno della Casa abbiamo trovato dei cartoncini che propagandano una rassegna dal nome “Illecite . Visioni”, al cui interno è previsto un “progetto” dedicato alle scuole medie superiori. Si chiama “Peter Pan guarda sotto le gonne”.

Che senso ha una struttura pubblica che mette in giro questa roba?
Cosa vogliono quindi i contestatori della Casa dei Diritti? Che cambi? Che si “riformi”? Che diventi più “pluralista”?

No, vogliono che sparisca. Perchè, comunque sia, non è compito delle Istituzioni, propagandare idee, visioni del mondo e giudizi di valore sulla realtà, magari spacciandole come “super partes”.

Sul volantino che è stato distribuito dai manifestanti, e consegnato pure a qualche assessore di passaggio, leggiamo:

” … Cosa vogliamo?
Che la “Casa dei Diritti” diventi più “democratica”? Aggiunga “nuovi diritti” nel suo menu? Organizzi convegni in contraddittorio alla Pardi? Faccia vedere il problema della sessualità non solo dal punto di vista delle associazioni LGBT, ma anche di quello delle associazioni dei genitori? Condivida i commenti di Papa Francesco oltre a quelli dell’ Arci Gay sulla sua pagina facebook? No, non crediamo infatti che sia possibile rendere pluralista una struttura del genere, perché la “Casa dei Diritti” nata nel segno di una VISIONE IDEOLOGICA DEL PENSIERO UNICO DOMINANTE.

UNA STRUTTURA DEGNA DI UN REGIME TOTALITARIO COME QUESTA,
VOGLIAMO CHE VENGA CHIUSA!
Non è compito del Comune di Milano e delle istituzioni ergersi a dispensatrice di “verità” e promotrice di “ideologie”.

Majorino e il sindaco Sala realizzino pure coi soldi delle ricche multinazionali che li appoggiano quello che vogliono. Lascino ai milanesi diritto e libertà di pensarla come credono su temi etici e delicati, come gender, famiglia, educazione dei figli, aborto, eutanasia, senza bisogno di “indicazioni” di un ENTE DI PROPAGANDA.

IL MINCULPOP FASCISTA TANTO CARO ALLA SINISTRA, O IL MINISTERO “PER PROMUOVERE LA VIRTÙ E COMBATTERE IL VIZIO” DEI TALEBANI, NON CI SEMBRANO ESEMPI DA IMITARE PER UNA MILANO PROIETTATA NEL FUTURO…”

Angelo Mandelli

Video di Claudio Bernieri. Musiche originali di Luciano D’Adetta

Un gruppo di cattolici milanesi appare un sabato pomeriggio davanti alla casa dei gender, dei trans, e delle lesbo chic in via de Amicis, pieno centro di milano :
Qui si discute, a spese del contribuente, sulla distruzione della famiglia, sul cambiamento di sesso per i poliziotti, si prepara la propaganda omosex e lesbo nelle scuole elementari : temi assurdi e pericolosi.

Il lugubre palazzo che sembra uscito dal fim di Polanski, Rosemary’s baby, si chiama pomposamente Casa dei diritti ed è il santurario dei radical chic milanesi. Funziona come un centro sociale, ma è pagato dalle tasse di tutti i cittadini. In realtà serve esclusivamente all’assessore Majorino per farsi propaganda elettorale.
I militanti cattolici del gruppo Ora et labora, hanno avuto il coraggio di contestare questa struttura: li abbiamo seguiti passo per passo nel loro presidio.
Il dibattito tra anziane lesbo chic , femministe d’antan e il gruppo ora et labora si è acceso sul marciapiede…
Intanto i militanti ora et labora distribuivano volantini alla cittadinanza che passava davanti al lubure castello dei gender, ignari delle alchimie ideologiche che qui dentro vengono cucinate in oscuri antri da fattucchiere radical chic …
Un pomeriggio per contestare lo slogan “politicamente corretto”: distruggete la famiglia tradizionale, che i militanti gender perseguono in questa struttura comunale



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -