Debito di 48 centesimi con Equitalia, 70enne rischia la pensione

 

Una multa presa a Roma quindici anni fa e pagata con pochi giorni di ritardo rischia di avere conseguenze gravissime sulla vita e sulle finanze di un pensionato trevigiano.

Secondo quanto riportato dall’edizione di Treviso de Il Gazzettino, alcuni giorni fa Valter Patassini, 70enne nativo di Roma, ma da tempo residente a Treviso ed ex dipendente delle Ferrovie dello Stato, ha scoperto di avere un debito, nei confronti di Equitalia, pari a 48 centesimi. Una cifra all’apparenza esigua ma che, per una serie di ragioni, potrebbe mettere in grosse difficoltà il pensionato.

A causa del ritardo nel pagamento, il comune di Roma avrebbe infatti la possibilità di avviare il recupero forzoso della somma, arrivando a pignorargli un quinto della pensione. Ad oggi, il versamento di pochi centesimi non basterebbe a sanare automaticamente la situazione. Per ripulire la sua fedina tributaria il signor Patassini ha dovuto avviare un apposito procedimento presso un noto studio legale della provincia che in questi giorni sta provando a risolvere la sua delicata questione, evitando conseguenze tragiche per una somma davvero irrisoria.

today.it



   

 

 

1 Commento per “Debito di 48 centesimi con Equitalia, 70enne rischia la pensione”

  1. Non và bene . A quello SI. a quest’altro NO.?! – Qaule ingiunzione di pagamento con le spese del Messo Comunale o dell’Ufficiale Giudiziario.???
    Un Consiglio . pagate. e fate la forocopia . La incorniciate . Sicuramente per i posteri avrà un valore … come la Venere di Milo.!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -