Saluto romano alla commemorazione di Ramelli, tutti assolti

 

saluto-romano-ramelli

MILANO, 20 OTT – Hanno compiuto “gesti rituali del disciolto partito” fascista, ma “non è chiaro” se “il loro comportamento abbia superato il confine della commemorazione per giungere alla condotta diffusiva” della ideologia.

Lo scrive la Corte d’Appello di Milano nelle motivazioni della sentenza con cui ha confermato l’assoluzione, decisa dal gup il 10 giugno del 2015, di Marco Clemente e Matteo Ardolino, esponenti di Casapound accusati di apologia del fascismo per avere fatto il saluto romano durante la commemorazione, il 29 aprile 2014, dello studente Sergio Ramelli, di Enrico Pedenovi e Carlo Borsani. Il sostituto pg Annunziata Ciaravolo, così come l’associazione nazionale partigiani Anpi che si è costituita parte civile, aveva chiesto la condanna a 6 mesi di reclusione per i due imputati. La Procura appellante aveva infatti ribadito “la sussistenza negli imputati della volontà diffusiva della ideologia fascista, intrinsecamente connessa alla modalità della manifestazione commemorativa”. ANSA

Sergio Ramelli fu barbaramente ucciso, all’età di 18 anni, nel 1975 da estremisti di sinistra; cadde sotto i colpi delle chiavi inglesi del commando assassino di “Avanguardia Operaia”.



   

 

 

1 Commento per “Saluto romano alla commemorazione di Ramelli, tutti assolti”

  1. …Un grande scrittore ; scrisse : I MORTI SERVONO AI VIVI.!!!
    CHI PUò NEGARE L’INCONTRARIO.???

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -