Svezia: “Esporre la bandiera dell’Isis non è incitamento all’odio”

 

isis

Un tribunale svedese ha assolto un uomo accusato di incitamento all’odio razziale per aver sventolato una bandiera dell’Isis in quanto “non è espressione di odio razziale”.

Il ragazzo, di 23 anni, ha postato una foto su Facebook in cui tiene in mano una bandiera dello Stato Islamico e ha deciso di utilizzarla come immagine del profilo a partire dal mese di dicembre 2015, ma, dopo una segnalazione alla polizia nel marzo seguente, la foto è stata rimossa.

L’uomo, musulmano e di origine siriana, è stato accusato del crimine di incitamento all’odio razziale, ma il procuratore Gisela Sjovalls ha comunicato di aver preso la decisione di lasciar cadere le accuse “dopo un attento esame”, riferisce Hallandsposten.

Sjovalls ha affermato che lo sventolio della bandiera dell’Isis non può essere considerato odio perché non è espressione di mancanza di rispetto nei confronti di un gruppo etnico o di minoranza come ad esempio la svastica che invece potrebbe essere considerato un simbolo di odio razziale.

“Per incitamento all’odio razziale si intende la diffusione dei comunicati che minacciano o denigrano un gruppo di persone con allusione alla razza, colore, origine nazionale o etnica, credo religioso o orientamento sessuale”, ha detto.

L’avvocato difensore dell’uomo, Bjorn Nilsson, ha insistito che il suo cliente non è un sostenitore di Isis e ha sostenuto che quella bandiera è stato un simbolo dell’Islam per centinaia di anni prima della nascita del califfato.

ilgiornale.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -