I danni delle sanzioni alla Russia: nel 2015 export di pasta italiana -52%

 

La Russia resta un mercato strategico per la pasta italiana, la più importata nel 2015 con 29mila tonnellate e un controvalore di 28,6 milioni di euro. Ma embargo e crisi del rublo hanno frenato la crescita a doppia cifra degli ultimi 6 anni, come fa notare l’Aidepi (Associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane).

pasta

Rispetto al 2014 abbiamo esportato il 52% in meno, tornando su volumi e valori di cinque anni fa. Secondo i dati diffusi dall’Aidepi, in vista del World Pasta day che si celebra il 25 ottobre a Mosca, solo tra il 2006 e il 2010 le esportazioni italiane all’ombra del Cremlino erano aumentate del 74,5% in valore. E il trend in calo si riconferma anche nei primi 7 mesi del 2016: erano 18mila le tonnellate di pasta italiana esportate in Russia da gennaio a luglio 2015, mentre sono state 12mila nel primo semestre di quest’anno (-31%).

Senza contare che la Russia è anche un ‘traino’ per paesi limitrofi come Bielorussia, Moldovia, Kazachstan, Lettonia e Armenia, che nel 2015 hanno importato complessivamente circa 7mila ulteriori tonnellate di pasta italiana.

“In Russia – avverte – la pasta è considerata una scelta sana, naturale accessibile a tutte le categorie sociali e a basso impatto ambientale. La complessa situazione geopolitica ha bruscamente interrotto la crescita del nostro export verso questo Paese, ma noi pastai nella Russia continueremo a crederci e a investire. Ci sono ancora margini per rilanciare questo mercato e tornare a crescere”.

“La pasta è da sempre un asset importante nel paniere di prodotti agroalimentari che l’Italia esporta sul mercato russo, veicolando non solo ottime proprietà nutritive ma una parte importante della storia e cultura culinaria del nostro Paese. Non a caso siamo storicamente il primo fornitore della Federazione”, afferma Pier Paolo Celeste, direttore dell’Agenzia Ice di Mosca. (Labitalia)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -