Abusa di una 16enne e la costringe a prostituirsi, arrestato libico

 

arrestoRagusa – Avrebbe abusato di una 16enne di origine nigeriana, costringendola a prostituirsi. Con l’accusa di riduzione in schiavitù, prostituzione minorile e violenza sessuale i carabinieri hanno fermato ad Acate, in provincia di Ragusa, un cittadino libico di 32 anni, Mohammed Ali Ramzi. L’uomo, secondo quanto emerso dalle indagini “suscettibili di ulteriori sviluppi operativi”, spiegano gli investigatori dell’Arma, avrebbe mantenuto la giovane donna in uno stato di soggezione dallo scorso luglio, abusando di lei e costringendola a prostituirsi ad Acate.

Episodi di violenza sessuale quotidiani, a cui si accompagnava l’attività di prostituzione a cui la 16enne era costretta più volte al giorno. Il denaro corrisposto per ogni prestazione veniva poi interamente consegnato dalla nigeriana al suo aguzzino che, se i guadagni non raggiungevano le sue aspettative, non esitava a picchiarla.

Le indagini, scattate dopo una segnalazione al 112, hanno posto fine all’incubo della ragazzina che ora si trova in un luogo protetto per essere poi trasferita in un centro per minorenni. Il libico, invece, è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria e, al termine delle formalità di rito, condotto al carcere di Ragusa, a disposizione del sostituto procuratore Giulia Bisello. (adnkronos)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -