Offensiva a Mosul, allarme dell’ONU: civili a rischio

 

Mosul, allarme dell’Onu: “1,5 milioni di civili a rischio, usati come scudi umani” (Ma sotto l’Isis sono ancora piu’ a rischio)

Il vicesegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari, Stephen O’Brien, ha espresso preoccupazione per i civili di Mosul a fronte del via libera annunciato oggi dal premier iracheno all’offensiva contro i jihadisti dello Stato islamico (Isis), che controllano la città dal giugno del 2014.

“Sono estremamente preoccupato per la sicurezza di circa 1,5 milioni di persone che vivono a Mosul – ha detto O’Brien – le famiglie sono a grave rischio di finire nel fuoco incrociato o di essere prese di mira da cecchini”.

“A seconda dell’intensità e della portata dei combattimenti, nel peggiore degli scenari sono fino a un milione le persone che potrebbero essere costrette a fuggire dalla città”, ha aggiunto in un comunicato.

In base alle stime americane in città sono rimasti al massimo 5 mila combattenti, ma è accertato come tengano i civili come ostaggi e scudi umani. I sobborghi di Mosul sono anche sotto il fuoco dell’artiglieria pesante americana e francese, cannoni da 155 mm con una gittata di oltre 30 km.

today.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -