Iraq, premier: iniziate le operazioni per liberare Mosul dall’Isis

 

iraq-premier

Le operazioni per riconquistare Mosul, la città irachena in mano ai jihadisti dello Stato islamico (Isis) dal giugno del 2014, sono iniziate. Lo ha annunciato in un discorso alla tv il premier iracheno Haider al-Abadi.

“E’ giunto il momento della vittoria e sono iniziate le operazioni per liberare Mosul”, ha detto il premier alla nazione. Quindi, rivolgendosi alla popolazione di Mosul, ha aggiunto: “Oggi dichiaro l’inizio di queste operazioni per liberarvi dalla violenza e dal terrorismo del Daesh (acronimo arabo per Isis, ndr)”.

Abadi, comandante in capo delle forze armate irachene, ha fatto la propria dichiarazione circondato dai più alti ufficiali militari: “La forza che guida le operazioni di liberazione è il coraggioso esercito iracheno, insieme con la polizia nazionale, sono loro quelli che entreranno a Mosul, nessun altro”. (fonte Afp)



   

 

 

1 Commento per “Iraq, premier: iniziate le operazioni per liberare Mosul dall’Isis”

  1. Speriamo che tra di loro non ci sia nessun Ammerrecano, magari con radici Irakene. Questi Ammerrecani sono come la sabbia, perchè te li ritrovi nei vestiti pure un anno dopo la tua ultima gita al mare!

    Io spero inoltre, che Abadi intenda liberare Mosul non solo dai mercenari….Ammerrecani ISIS-DAESH, ma anche dai loro “datori di lavoro” yankee, e che non vi siano ancora dei “granelli di sabbia” nelle tasche Irakene, perchè dopo la sconfitta siriana certamente gli yankee avranno tutto l’interesse di riprovarci dal lato Est, con l’Irak!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -