Oltre 4 italiani su 10 mangiano cibi scaduti, spesso da più giorni

 

cibo_avariatoPiù di quattro italiani su dieci (il 44%) mangiano alimenti scaduti. È quanto rivela la prima indagine sui ‘Cambiamenti delle abitudini alimentari degli italiani’, presentata dal presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo e del presidente dell’istituto Ixè Roberto Weber all’apertura del Forum internazionale dell’agricoltura e dell’alimentazione di Cernobbio per la Giornata mondiale dell’alimentazione della Fao.

In particolare, l’indagine rivela che il 32% degli italiani mangia cibi scaduti da una settimana, l’8% da non più di un mese e il 4% anche da più tempo. L’indagine, non parlando di aumento della povertà,  sottolinea che nel 2016 il 33% degli italiani ha diminuito gli sprechi alimentari, mentre il 31% li ha mantenuti costanti, il 25% li ha addirittura annullati.

Tuttavia, sottolinea Coldiretti, la diminuzione degli sprechi (mangiare cibi scaduti a causa della povertà, ndr) non deve andare a scapito della tutela della salute. Anche per questo è importante conoscere il diverso significato delle diciture “da consumarsi entro” e “da consumarsi preferibilmente entro il…”.

La prima indica la data entro cui il prodotto deve essere consumato e anche il termine oltre cui un alimento non può più essere posto in commercio. Superarla potrebbe comportare rischi per la salute. Riguarda prodotti preconfezionati, rapidamente deperibili come il latte fresco (7 giorni) e le uova (28 giorni). È indicata dal giorno, il mese ed eventualmente l’anno e vale indicativamente per tutti i prodotti con una durabilità non superiore a 30 giorni.

La seconda dicitura, invece, indica la data fino a cui il prodotto alimentare conserva le sue proprietà organolettiche e gustative o nutrizionali specifiche in adeguate condizioni di conservazione, senza con questo comportare rischi per la salute in caso di superamento seppur limitato della stessa. Tanto più ci si allontana  dalla data in questione, tanto più vengono a mancare i requisiti di qualità del prodotto, come sapore, odore, fragranza.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -