La Regione Toscana appalta un altro pezzo di sanità ai privati

 

ospedale-coop Firenze, 14 ottobre 2016 – Nove milioni di euro per l’assistenza domiciliare affidati a soggetti esterni, mentre Piemonte, Lombardia e Lazio investono in progetti pubblici di ampio respiro Altro che razionalizzazione delle risorse la Regione Toscana continua a esternalizzare servizi, affidando un altro pezzo di sanità pubblica ai privati, anziché investire in un progetto di presa in carico del paziente di ampio respiro, come succede in altre parti d’Italia.

Con questo atto la Regione Toscana stanzia 9 milioni di euro per il potenziamento della continuità assistenziale e il finanziamento di buoni servizio per l’assistenza domiciliare. I destinatari? Soggetti esterni al sistema sanitario nazionale.

Da anni incoraggiamo un progetto articolato di assistenza domiciliare, che passi attraverso il potenziamento del ruolo dell’infermiere sul territorio, con la valorizzazione di figure come l’infermiere di famiglia o di comunità o la realizzazione di reparti ospedalieri a gestione infermieristica per le cure intermedie. Nel medio-lungo periodo tutto ciò si tradurrebbe in un risparmio per la sanità pubblica, in quanto consentirebbe di gestire prontamente le complicazioni post-ricovero o le ricadute, nonché le patologie croniche, costantemente in aumento. Ci sono esempi virtuosi in tutta Italia dalla Lombardia al Piemonte, dove a inizio 2016 è stato attivato un progetto sperimentale per l’infermiere di comunità, fino al Lazio, dove i reparti ospedalieri a gestione infermieristica stanno dando degli ottimi risultati. Non capiamo come mai in Toscana questo modello non riesca ad affermarsi tanto più che il sistema sanitario regionale risente di un endemico surplus di medici e di una carenza di infermieri. Eppure i dati epidemiologici sull’invecchiamento della popolazione, dovrebbero indurre a ripensare questa impostazione.

Invitiamo anche i collegi IPASVI a prendere una posizione netta su questo argomento e a promuoverla nelle sedi istituzionali se non si investe in un progetto pubblico di assistenza domiciliare sul territorio, il sistema è destinato a implodere.

Così Giampaolo Giannoni, coordinatore regionale del sindacato autonomo degli infermieri Nursind, a commento della delibera regionale 905/2016, che fa riferimento all’assistenza domiciliare.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -