Edilizia Sardegna: in un anno perse 328 imprese

 

È ancora crisi dei cantieri in Sardegna: nell’ultimo anno sono state perse 328 imprese. Non solo, dal 2008 a oggi sono stati dimezzati i posti di lavoro: -35.600. Sono i dati di Confartigianato edilizia. “E’ come se in una città grande come Nuoro – spiega il presidente Giacomo Meloni – non lavorasse nessuno. Calo senza eguali in Italia”.

Nell’Isola, secondo le cifre fornite dall’organizzazione, alla fine dello scorso giugno erano 18.442 le imprese che si occupavano di costruzioni: quelle artigiane erano 10.559 (il 57,3%). Queste ultime, negli ultimi 12 mesi hanno registrato una flessione del 3%, con la relativa perdita di 328 aziende (saldo tra aperture e chiusure). La soluzione? Per il momento Confartigianato ha chiesto un incontro sulla Legge urbanistica all’assessore regionale competente. L’organizzazione assicura massima collaborazione.

“Abbiamo comunicato – precisa Meloni – all’Assessore Erriu questa nostra disponibilità chiedendo, contestualmente, un incontro”. “Siamo molto preoccupati – ha sottolineato Meloni – per l’approvazione, visto che nessuno sembra parlare più della Legge e mancano circa due mesi e mezzo alla fine dell’anno”. A livello territoriale, tra le imprese artigiane edili è forte il calo in provincia di Oristano: -4,2% (saldo aperture/chiusure di -43 imprese). Seguono Cagliari con -3,1% (-109), Nuoro con -2,8% (-63) e Sassari con -2,7% (-113).

Per l’associazione artigiana ci sono delle soluzioni praticabili: “Una delle chiavi per la ripresa è sotto i nostri occhi, sta nella ristrutturazione e nella riqualificazione energetica di oltre 90mila immobili e abitazioni vecchie e in cattive condizioni. Tale segmento di mercato è l’unico ad aver registrato un incremento nel corso degli anni, soprattutto grazie agli incentivi fiscali rafforzati che, come è stato annunciato dal Governo, saranno riconfermati”. Sul Codice degli appalti è invece ancora buio quasi totale: “Su questo passaggio c’erano e ci sono tantissime aspettative – ha concluso Meloni – ma la riforma si compirà solo con l’emanazione di tutti i decreti a corredo e con l’emanazione delle “soft law”, ovvero gli strumenti innovativi di regolazione”. (ANSA).



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -