Battaglia di Mosul: militari italiani aiuteranno l’esercito iracheno

 

Soldati-italianiNella battaglia per la liberazione di Mosul, ultima roccaforte irachena dello Stato Islamico (Isis), il contingente italiano non difenderà solo la diga di Mosul ma “in caso di necessità interverrà per aiutare l’esercito iracheno” nei pressi della grande struttura che dista appena una trentina di chilometri dal capoluogo. E’ quanto ha appreso askanews da una fonte diplomatica irachena.

Secondo questa fonte, i militari italiani inviati nel Kurdistan iracheno per proteggere il personale della società Trevi che si è aggiudicato i lavori di manutenzione della diga di Mosul, “sono circa 300 unità, anche se i visti rilasciati dall’ambasciata irachena a Roma sono arrivati ad oltre 1000″. La stessa fonte spiega però che “il numero alto di visti è probabilmente dovuto alla rotazione dei militari”.

“Proprio ieri unità dell’esercito iracheno hanno attraversato la diga scendendo verso il distretto di al Zamar diserzione Mosul”, ha spiegato la fonte spiegando che “il compito principale dei militari italiani è quello di proteggere la diga e le zone limitrofe, ma in caso di necessità aiuteranno l’esercito”. L’autorità di Baghdad hanno fatto sapere che l’offensiva finale contro l’Isis “è questone di giorni”. (askanews)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -