“Mattarella minaccia di non firmare la manovra”, Quirinale smentisce

 

“Ipotesi prive di fondamento”, così dal Quirinale, interpellato al riguardo, vengono definite le ricostruzioni di Dagospia secondo le quali il capo dello Stato minaccerebbe di non firmare la manovra perché incostituzionale se non scende il deficit strutturale.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

L’allarme al Quirinale è scattato ieri sera, appena il Parlamento ha approvato il Documento di economia e finanza (Def). Quel testo, cioè, che ufficializza il deficit 2017 al 2,2%, con la possibilità di portarlo al 2,4%. Se la manovra confermerà quelle cifre, Mattarella non la firma: sarebbe incostituzionale.

 

SERGIO MATTARELLA

Il numero giusto era il 2%: ha fatto sapere SuperMario a mezza Roma. Renzi, però, se n’è strafregato dei consigli del presidente della Bce. Ed ha deciso di sfidare l’Unione europea, la Banca centrale ed anche il Quirinale.

Già, perchè senza un deficit strutturale in discesa la Legge di Bilancio è incostituzionale. Mario Monti (ricattato dalla BCE, ndr) ha fatto inserire nella Costituzione italiana che il Paese deve puntare al pareggio di bilancio. Cioè, deve ridurre ogni anno il deficit strutturale, fino ad azzerarlo.

Ministro Orlando: pareggio di bilancio nella Costituzione fu un ricatto della Bce, ndr

Per raggiungere il risultato, il ministero dell’Economia aveva prodotto una Legge di Bilancio seguendo le indicazioni minime di Draghi. Renzi, però, se n’è fregato. Sia del parere dell’Ufficio parlamentare del bilancio, sia dei consigli del presidente della Bce. Ha voluto portare il deficit al 2,2, con la promessa di farlo salire al 2,4%.

E Mattarella gli ha fatto sapere che avrebbe qualche problema a firmarla. Da qui, la girandola di telefonate tra il Quirinale ed il ministero dell’Economia. Con una minaccia di Serginho nemmeno tanto velata: o cambiate la manovra o non la firmo. E stamattina il panico è approdato a Palazzo Chigi ed a Via Venti Settembre.

Da un punto di vista istituzionale, il Capo dello Stato non può ignorare il parere dell’Ufficio parlamentare di bilancio: organo istituito come previsto dal Fiscal Compact. E che ha sonoramente bocciato le stime sulla crescita di Renzi & Padoan.

DAGOREPORT



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -