Hollande: “Pronto a votare Sarkozy per fermare Marine Le Pen”

 

hollande-sarkozy

Lo considera “volgare, cinico e malvagio”, ma, se si tratta di fermare Marine Le Pen, chiederà di votare per lui. E’ il giudizio del presidente francese Francois Hollande sul suo predecessore Nicolas Sarkozy, candidato alle primarie del centrodestra in vista delle presidenziali del maggio 2017. A rivelarlo sono i giornalisti Fabrice Lhomme e Gerard Davet in un’anteprima del loro libro ‘Un président ne devrait pas dire ça’ (Un presidente non dovrebbe dire questo), in uscita domani. I due giornalisti raccontano nel loro libro i cinque anni all’Eliseo di Hollande attraverso numerose interviste al presidente, che si lascia andare a giudizi su diversi politici, tra cui Nicolas Sarkozy, sconfitto da Hollande alle presidenziali del 2012.

“I cassetti” dell’ex consigliere all’Eliseo di Nicolas Sarkozy, Patrick Buisson, “sono molto importanti, non tanto per quello che rivelano – non ci sono segreti di Stato – ma perché mostrano ciò che è quest’individuo. La sua volgarità, la sua cattiveria, il suo cinismo”, dice Hollande. “Ciò che non si vede di lui è il fatto che non faccia distinzione tra ciò che è permesso e ciò che non lo è, tra il lecito e l’illecito, il decente e l’indecente. Perché questa sete di denaro? (…) Sarkozy si circonda di gente ricca. Perché? (…) Il denaro è sempre denaro! Si sa che è stupefacente!”, sottolinea Hollande.

Nonostante denunci “la linea di Sarkozy” e “la sua radicalizzazione verbale per sottrarre voti al Front National”, il presidente si dice poi pronto a votare per Sarkozy se dovesse arrivare al ballottaggio con Marine Le Pen. “Lo farò. Andrò per votare contro Le Pen. E’ stata dura per me chiedere di votare per Chirac nel 2002 (…) Se sarà necessario chiedere di votare Sarkozy, lo farò”, confessa Hollande.

E sulle primarie del centrodestra, azzarda un pronostico: “Credo che vincerà Sarkozy. Ma se dai sondaggi la sua candidatura dovesse apparire debole, gli elettori opteranno per Juppé”, perché, sostiene ancora il presidente, Sarkozy “è talmente eccessivo che può suscitare preoccupazione all’interno del suo stesso schieramento”.

Il presidente Hollande sembra talvolta avere compassione dei guai giudiziari del suo predecessore, coinvolto nel caso Bygmalion, un sistema di false fatture che avrebbe consentito di pagare con le casse del partito UMP circa 18,5 milioni di euro di spese del candidato all’Eliseo Sarkozy nella campagna elettorale del 2012. A proposito della localizzazione dei telefoni cellulari dell’ex presidente disposta dai giudici, Hollande commenta: “Se non c’è nulla nel dossier, è scioccante, è vero. Questo è purtroppo il comportamento della giustizia”. Quanto all’affaire Bygmalion, Hollande assicura che la sua incriminazione non lo rallegra: “Un ex presidente della Repubblica che trascorre 12 ore nell’ufficio di un giudice istruttore è quantomeno deprimente”. ADNKRONOS



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -